Tu sei qui: Home / Vaccinazioni Anti-Covid19. Prenotazioni categoria 4 - persone con comorbidità

Vaccinazioni Anti-Covid19. Prenotazioni categoria 4 - persone con comorbidità

pubblicato il 05/05/2021 15:25, ultima modifica 27/05/2021 12:24

Via libera per un’altra importante fascia di cittadini considerata prioritaria nel Piano nazionale, quella identificata con categoria 4, a cui appartengono “le persone con comorbidità di età inferiore ai 60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per i soggetti estremamente vulnerabili”.

PRIMA FASE - PERSONE DAI 51 AI 59 ANNI

Nella prima fase i cittadini interessati – ovvero chi ha un’età compresa tra i 51 e i 59 anni (anni di nascita dal 1962 al 1970) - non devono prenotarsi perché vengono contattati direttamente dall’Azienda USL di Ferrara tramite SMS inviati a partire da venerdì 7 maggio, con possibilità di prenotarsi da lunedì 10 maggio.

SECONDA FASE - PERSONE DI ETÀ INFERIORE AI 50 ANNI

Nella seconda fase viene aperta la campagna vaccinale all'intera categoria 4. Da lunedì 17 maggio, l’Azienda USL di Ferrara contatta tramite sms le persone con comorbidità di età inferiore ai 50 anni compresi che possono prenotarsi da martedì 18 maggio ai Cup o alle farmacie con servizio di prenotazione. 

CHI APPARTIENE ALLA CATEGORIA 4

A questa platea appartengono, come indica il piano nazionale, cittadini “affetti da patologie o situazioni di compromissione immunologica che possono aumentare il rischio di sviluppare forme severe di Covid-19”; le patologie previste sono perlopiù le stesse della categoria 1 “Elevata fragilità”, ma con un livello di gravità, appunto, considerato inferiore.

Undici le aree interessate: malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche, diabete/altre endocrinopatie, Hiv, insufficienza renale/patologia renale, ipertensione arteriosa, malattie autoimmuni/immunodeficienze primitive, malattie epatiche, cerebrovascolari e patologie oncologiche.

OPERAZIONE DI RECUPERO

Scatta un'operazione recupero nei confronti di tutti i cittadini che, pur potendo già vaccinarsi perché appartenenti a classi di età, professionali o di rischio per le quali la campagna è aperta, ancora non si sono fatti avanti per prendere appuntamento: potranno farlo direttamente dal proprio medico di medicina generale, telefonando per fissare la data della somministrazione, che appunto sarà in carico ai medici di base. Medici che, attraverso le anagrafiche a loro disposizione, potranno anche decidere di accelerare il percorso, contattando direttamente i propri pazienti non ancora vaccinati.

Scarica la tabella categoria 4 - aree di patologia

Azioni sul documento
Strumenti personali