Tu sei qui: Home / Home Page / News / Ospedale del Delta-Lagosanto: interventi radiologici innovativi con tecnica “fusion” sulla prostata

Ospedale del Delta-Lagosanto: interventi radiologici innovativi con tecnica “fusion” sulla prostata

archiviato sotto:
pubblicato il 12/04/2021 09:15, ultima modifica 27/04/2021 11:34
Riattivati anche gli interventi sui piccoli tumori renali in collaborazione con l'Unità Operativa interaziendale di Urologia In programma l’estensione all’Ospedale di Cento. Obiettivi: ridurre mobilità passiva; potenziare tempi diagnosi-terapie; interventi meno invasivi per i pazienti

Ferrara, 09-04-2021. Il reparto di Radiologia Diagnostica e Interventistica dell'Ospedale del Delta, diretto dal dott. Giorgio Benea, ha recentemente implementato la propria diagnostica con un ecografo di alta fascia, dotato di sistema di co-registrazione e navigazione “fusion”. Questa nuova strumentazione ha consentito l’attivazione di sedute di biopsia prostatica eco-guidata con tecnica “fusion” Eco-RM, in grado di far corrispondere alle immagini ecografiche quelle di Risonanza Magnetica (RM), acquisite precedentemente, anche in altra sede. L'attivazione di questo servizio presso la nostra Azienda Usl di Ferrara favorirà inoltre la riduzione della mobilità passiva dei pazienti, attualmente costretti a migrare presso altre strutture extra provinciali. 

LA TECNICA FUSION PER LE BIOPSIE PROSTATICHE. Il ruolo della RM per la richiesta di biopsie target è in continua crescita e la biopsia prostatica con tecnica "fusion" garantisce un incremento dell'accuratezza e della tollerabilità da parte del paziente a fronte di un minor numero di prelievi, mirati su eventuali lesioni evidenziate alla RM. Queste procedure bioptiche sono condotte in regime ambulatoriale, congiuntamente da personale medico radiologico interventista e urologico, supportato da personale infermieristico con acquisite competenze in tale ambito, rispettando il consolidato protocollo pre/post-procedurale già previsto nelle sedute bioptiche "convenzionali" di prostata.

RADIOLOGIA DEL DELTA-LAGOSANTO E UROLOGIA. L'Ospedale del Delta-Lagosanto è fra i centri radiologici Emiliano-Romagnoli che esegue il maggior numero di prestazioni di Risonanza Magnetica multiparametrica della prostata, contando circa 400 prestazioni all’anno; l'approfondimento bioptico “fusion” rappresenta il migliorato completamento dell'iter diagnostico per la popolazione affetta da tale patologia.

In collaborazione con l'Unità Operativa interaziendale di Urologia, diretta dal Dott. Ippolito Carmelo, è stata pertanto concordata la programmazione di un percorso facilitato di fruizione di queste prestazioni, sulla base del quadro RM e della valutazione specialistica urologica, convogliate in sedute dedicate, presso l'Ospedale del Delta-Lagosanto.

La stretta collaborazione con il Dott. Roberto Rizzati, direttore della Radiologia dell’Ospedale di Cento, incentiva il progetto fusion biopsy per ampliarne l’utilizzo e introdurre il prima possibile tali procedure anche presso il Santissima Annunziata con la prospettiva di omogeneizzare l’offerta radiologica dell’Azienda Usl di Ferrara.

Sempre in campo uro-radiologico, sono state recentemente ri-attivate presso la Radiologia Interventistica dell’Ospedale del Delta anche sedute di termoablazione percutanea per pazienti portatori di piccole masse tumorali renali.

In accordo con l’Unità Operativa di Urologia, tali pazienti vengono indirizzati a tale terapia, dopo discussione collegiale interdisciplinare, qualora non siano suscettibili di terapia chirurgica “convenzionale o laparoscopica”.

Si tratta infatti di una tecnica mini-invasiva che permette di trattare i tumori renali di dimensioni ridotte (<4 cm) con l’introduzione percutanea eco-guidata di aghi-elettrodi all’interno della lesione, che generando calore inducono la necrosi tumorale; la ridotta invasività porta ad una buona tollerabilità alla procedura, eseguita in sedazione cosciente, consentendo così la riduzione dei tempi di ricovero e una più rapida convalescenza.

L'evoluzione raggiunta da tali metodiche in termini di qualità e appropriatezza diagnostico-terapeutica, unita alle competenze acquisite dagli operatori, favorirà l’incremento, nei prossimi mesi, di questa attività al servizio dei pazienti.

Azioni sul documento
archiviato sotto:
Guardia medica turistica

direttori

 
Strumenti personali