Tu sei qui: Home / Home Page / News / La comunicazione aumentativa in aiuto ai pazienti in terapia intensiva all’Ospedale del Delta

La comunicazione aumentativa in aiuto ai pazienti in terapia intensiva all’Ospedale del Delta

archiviato sotto: ,
pubblicato il 11/05/2020 15:45, ultima modifica 11/05/2020 16:39
Tabelle in comunicazione Aumentativa e Alternativa per aiutare i pazienti ricoverati che presentano significative limitazioni nella capacità di comunicare, scaturite dal fabbisogno emerso durante la pandemia, da oggi sono disponibili nei reparti di Terapia Intensiva dell’Ospedale del Delta grazie al contributo dell’Associazione Territoriale per l’integrazione Il Volo – ODV

Anche in questo momento di emergenza l’Associazione IL Volo è stata pronta  per presentare all’Azienda USL un utile contributo come le tabelle comunicative realizzate dall’Ente Auxilia di Modena, importatore del sistema simbolico WLS Widgit Literacy Simbols in Italia.
Le tabelle, realizzate in materiale plastico, per poter essere facilmente sanificate e messe a disposizione dei pazienti, sono state accolte con grande interesse da parte della direzione medica e infermieristica dell’Ospedale del Delta che hanno subito provveduto alla loro distribuzione, condividendo le modalità e i contenuti con gli stessi coordinatori dei reparti. Un contributo importante che permette ora di offrire ai pazienti un aiuto per capire di cosa hanno bisogno e per rispondere alle domande degli stessi sanitari, come questi ultimi evidenziano “Le  persone con difficoltà di comunicazione, infatti non sono in grado fornire le informazioni anche più comuni e semplici sul proprio stato di salute e non possono chiedere neppure le cose più semplici, con queste tabelle si possono aiutare loro e chi di loro si prende cura”.
Le tabelle comunicative sono un insieme strutturato di rappresentazioni che permettono alla persona non parlante, non udente o di nazionalità non italiana di andare oltre il concreto e di esprimere direttamente bisogni, sentimenti, pensieri, con l’utilizzo della Comunicazione Aumentativa e Alternativa, area della pratica clinica che cerca di compensare la disabilità temporanea o permanente di persone con bisogni comunicativi complessi.  
L'Associazione Il Volo in questi anni, ha sempre avuto una particolare attenzione nella realizzazione di strumenti comunicativi alternativi al linguaggio verbale, laddove compromesso. Già da diverso tempo offre il proprio contributo all'Unità Operativa di Neuropsichiatria per l'Infanzia e l'Adolescenza dell’Azienda USL, dove conduce incontri di lettura dei testi in simboli per i bambini con fragilità, in affiancamento agli operatori sanitari e in aiuto agli insegnanti, che sempre più numerosi partecipano a queste occasioni, sapendo di poter contare sulla preparazione dei volontari dell'Associazione, che si è guadagnata nel tempo l'accreditamento come Centro Servizi e Consulenze a favore delle autonomie scolastiche della Regione Emilia Romagna.
L’ Associazione, in questi anni, si è notevolmente impegnata nella traduzione di testi in simboli, che è poi stato  il naturale sviluppo, con la consapevolezza della necessità di consentire a tutti di accedere al piacere della lettura: è nato così il progetto "Un libro per tutti".  Dall'impegno costante e generoso di tanti volontari, è stato creato un patrimonio librario consistente, reso disponibile a tutti nelle Biblioteche comunali di Fiscaglia, Portomaggiore, Mesola, Codigoro e Lagosanto, nella zona di Ferrara, e le Biblioteche comunali di Finale Emilia, Mirandola, Medolla, Camposanto, Concordia, Cavezzo, San Possidonio, San Prospero e San Felice nella zona di Modena.
Le attività dell’’Associazione Territoriale per l’Integrazione Il Volo – ODV, nata da un gruppo di genitori del territorio del Delta del Po ferrarese con figli con disabilità - si sono sviluppate dall'idea centrale di offrire occasioni di inclusione a persone con disabilità, anche attraverso la predisposizione di strumenti che favorissero opportunità democratiche di accesso al gioco, alla lettura e alla socialità. Per questo nasce il Progetto di Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA) finanziato dal Fondo Regionale Non Autosufficienza (FRNA), come da programmazione del Piano di Zona Distretto Sud Est Ferrara con Comune capofila Fiscaglia.


comunicazione aumentativa delta 1comunicazione aumentativa delta 2

Azioni sul documento
archiviato sotto: ,
Strumenti personali