Tu sei qui: Home / Home Page / News / L’Ospedale di Argenta e la Casa della Salute di Portomaggiore visitati dalla Direzione Strategica dell’Azienda USL di Ferrara

L’Ospedale di Argenta e la Casa della Salute di Portomaggiore visitati dalla Direzione Strategica dell’Azienda USL di Ferrara

pubblicato il 28/07/2020 10:55, ultima modifica 28/07/2020 11:00
Un Ospedale Spoke e percorsi di integrazione con la rete territoriale

L’Ospedale di Argenta e la Casa della Salute “Portomaggiore e Ostellato” visitati oggi dalla direzione strategica di Azienda USL di Ferrara costituita da Monica Calamai, direttrice Generale, Stefano Busetti, direttore Sanitario e Marco Chiari, direttore Amministrativo.

Ormai al termine le visite e i confronti con i responsabili e i direttori delle Unità Operative delle Strutture sanitarie aziendali. Oggi, 27 luglio all’incontro all’Ospedale di Argenta anche il Sindaco Andrea Baldini e alla Casa della Salute di Portomaggiore e Ostellato il sindaco del Comune di Portomaggiore Nicola Minarelli e l’Assessore ai servizi sociali, Alessandro Vacchi.

Insieme alla direzione aziendale i responsabili e i referenti delle attività sanitarie e infermieristiche dell’Ospedale di Argenta e della Casa della salute di Portomaggiore- Ostellato. Per la parte medica e infermieristica, presenti all’incontro, Romana Bacchi, direttrice del distretto Sud Est, i dirigenti di direzione Medica, Dina Benini e Francesca Fagioli, Berilla Bazzanti, responsabile della Casa della Salute, Marika Colombi, dirigente direzione infermieristica e tecnica, Enrico Mazzoli, Claudio Carli e Michela Trapella, i responsabili organizzativi.

L’Ospedale di Argenta, insieme a quello del Delta e di Cento, costituisce uno dei tre ospedali distrettuali dell’Azienda USL di Ferrara. Numerose le ristrutturazioni effettuate nel corso degli anni, uno degli interventi più recenti e rilevanti ha riguardato la realizzazione del nuovo blocco operatorio che, nel 2011, ha portato alla realizzazione di 4 sale operatorie e servizi collegati, strutturalmente e tecnologicamente all’avanguardia. Inserito come Ospedale “spoke” all’interno della rete ospedaliera ferrarese, l’Ospedale di Argenta rappresenta inoltre, una realtà in cui è avviato ed in fase di potenziamento un percorso di integrazione con la rete territoriale: sono infatti presenti all’interno della struttura anche 2 Medicine di Gruppo, il servizio “Salute donna”, il servizio di specialistica ambulatoriale ed altri servizi afferenti alle cure primarie.

Sono Dina Benini e Francesca Fagioli e Enrico Mazzoli che hanno presentato il quadro delle attività che vengono svolte all’interno della struttura. La dotazione dei posti letto all’Ospedale di Argenta, prima del Coronavirus, era di 98 posti letto, ad oggi, con la rimodulazione indotta da necessità organizzative legate ala Covid19 è di 82 posti letto.

Nel 2019 all’Ospedale di Argenta sono stati effettuati 2.656 ricoveri, tra ordinari e in Day Hospital, e si sono registrati 14.629 accessi in Pronto Soccorso, con una media di 40 accessi al giorno.

Per quanto riguarda invece l’attività ambulatoriale 81.927 il numero delle prestazioni relative all’attività ambulatoriale per esterni, mentre le visite specialistiche effettuate, tra prime viste e visite di controllo, sono state 19.869. Per quanto riguarda le prestazioni diagnostico-strumentali, di primo e secondo livello, erogate sono state 43.532 e 19.162 il numero di prelievi per esterni effettuati.


Ulteriore tappa della mattinata di oggi la Casa della salute di Portomaggiore e Ostellato. Romana Bacchi, Bertilla Mazzanti, Michela Trapella e Claudio Carli, hanno presentato la struttura, i servizi e le attività.

La Casa della Salute di Portomaggiore-Ostellato è stata la prima Casa della salute in provincia di Ferrara nata dalla riconversione dell’ospedale (ex “Carlo Eppi”). Sulla base dei finanziamenti regionali sono stati completati tra il 2012 e il 2014 i lavori di ristrutturazione della struttura sanitaria di Portomaggiore-Ostellato, inaugurata ufficialmente il 7 febbraio 2015.

La Casa della Salute di Portomaggiore-Ostellato si caratterizza per il forte coinvolgimento della Comunità e le Associazioni di volontariato, con cui sono in atto collaborazioni e progetti volti all’integrazione e alla presa in carico dei bisogni della popolazione, e per la forte presenza di strutture psichiatriche.

Tra i progetti messi in campo: 1. Progetto SCIA (“Scambio Coinvolgimento Integrazione Apertura”): per ridurre l’isolamento sociale di persone potenzialmente fragili e individuare “sentinelle“ e “osservatori di comunità”. 2. Mamme che aiutano mamme: gruppo di volontari istituito all’interno dell’Associazione “Le Contrade” che nasce come sostegno per le mamme, sia tramite lo scambio e la condivisione di beni, quali vestiti, giochi ecc, sia tramite un gruppo di ascolto per le mamme più fragili. 3. Mai più soli: progetto sviluppato da Associazioni di Volontariato e dal Comune di Portomaggiore in cui gli operatori volontari danno supporto agli anziani soli, facendo loro compagnia sia in casa sia in passeggiate. 4. Giardino terapeutico” inaugurato a giugno 2019 annesso alla Casa di residenza per anziani Carlo Eppi (nato dalla sinergia tra associazioni ed istituzioni del territorio, è dedicato principalmente a persone anziane fragili, affette da sindrome di Alzheimer o da altre limitazioni cognitive e motorie).

L'ambito territoriale di riferimento per la Casa della Salute di Portomaggiore e Ostellato comprende i comuni di: Portomaggiore 11.604 abitanti; Ostellato 5.935 abitanti; per un bacino di riferimento totale di 17.539 abitanti.

Giornalmente alla struttura accedono in media tra i 300 e i 350 utenti.

L’offerta socio-sanitaria del territorio: 1 Casa della Salute; 1 Nucleo di Cure Primarie; 2 Medicine di Gruppo (Portomaggiore - dentro la Casa della Salute - e Ostellato); 1 medicina in rete di Portomaggiore; 2 punti di Continuità Assistenziale (Portomaggiore e Ostellato); 1 Ambulatorio di Nucleo; 1 Residenza psichiatrica “F. Basaglia” con 16 posti letto; 1 CRA (ex RSA) con 34 posti letto; Strutture del Dipartimento Salute Mentale: neuropsichiatria infantile e adolescenza, SerD e il Servizio Psichiatrico Territoriale. Oltre all’ospedale di riferimento di Argenta e all’ASP territoriale Manica-Salvatori.

  

  

Azioni sul documento
Strumenti personali