Tu sei qui: Home / Home Page / News / Cittadella della Salute S.Rocco di Ferrara: dal 1° aprile operativo l’Ambulatorio Territoriale per la Cefalea

Cittadella della Salute S.Rocco di Ferrara: dal 1° aprile operativo l’Ambulatorio Territoriale per la Cefalea

pubblicato il 31/03/2021 14:31, ultima modifica 31/03/2021 14:33
L’ambulatorio lavorerà in collaborazione con l’Ambulatorio Cefalee-Ospedale di Cona e i neurologi territoriali.

Ferrara, 31-03-2021.  In Cittadella S. Rocco di Ferrara da Giovedì 1 Aprile inizia l’attività dell’ambulatorio territoriale per la cefalea che lavorerà in parallelo e in piena collaborazione coi colleghi dell’Ambulatorio Cefalee dell’Ospedale di Cona e con i colleghi neurologi territoriali.

La creazione di un secondo ambulatorio cefalea in provincia di Ferrara è motivata dall’alta prevalenza della cefalea nella popolazione. Nel nostro territorio si stima che siano quasi cinquantamila le persone che soffrono di cefalea, con una prevalenza maggiore nei giovani adulti e nelle donne; un disturbo che, comunque, colpisce anche l'età evolutiva.

L’ambulatorio cefalea territoriale della Cittadella San Rocco è, pertanto, seguito da un medico specialista in Neurologia, esperto nella Diagnosi e nella Cura delle cefalee, con una formazione continua per l’aggiornamento professionale di tutti gli operatori coinvolti.

Tre le principali finalità dell’ambulatorio: porre il paziente al centro di un percorso multidisciplinare per effettuare una diagnosi accurata e instaurare terapie personalizzate; cooperare con la rete dei Medici di Medicina Generale e degli altri specialisti coinvolti; collaborare con l’associazione dei pazienti cefalalgici di Ferrara (Al.Ce. Alleanza Cefalalgici Ferrara).

L’ambulatorio è attivo due giorni la settimana -il lunedì e il giovedì- con l’obiettivo di inserire a breve altre giornate.

I pazienti possono accedere con l’impegnativa del medico curante o di altro specialista.

L’ambulatorio cefalee è autorizzato dalla Regione Emilia-Romagna alla prescrizione per i pazienti con emicrania cronica ed episodica delle nuove terapie innovative: Tossina Botulinica ed Anticorpi Monoclonali anti-CGRP.

Pur rappresentando la terza patologia più frequente e la seconda più disabilitante del genere umano, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), rimane una malattia misconosciuta e sotto-trattata. La sottovalutazione della cefalea causa un ritardo nella diagnosi corretta e forti ripercussioni sulla qualità di vita delle persone.

A livello europeo si è disposto che il progresso nella gestione del paziente cefalalgico dipenda dal miglioramento dell’accesso a strutture sanitarie competenti e dal porre il paziente al centro di un percorso in cui sia possibile un approccio multidisciplinare nella diagnosi e nella cura delle cefalee.

Azioni sul documento
Strumenti personali