Tu sei qui: Home / Home Page / News / Bonaccini e Giunta regionale in visita all'Opedale di Argenta

Bonaccini e Giunta regionale in visita all'Opedale di Argenta

pubblicato il 08/07/2021 17:20, ultima modifica 09/07/2021 09:35
Giornata in provincia di Ferrara per la Giunta regionale che ha ripreso il suo viaggio nel territorio. Primo incontro ad Argenta: Polo ortopedico di eccellenza del Rizzoli di Bologna

La prima tappa della Giunta di questa mattina è stata all’Ospedale di Argenta per il tema sanità, uno degli argomenti al centro della giornata insieme a mobilità e infrastrutture, welfare, ricerca, cultura, innovazione, riqualificazione urbana, agricoltura.

L’incontro al Mazzolani-Vandini di Argenta è stato voluto dallo stesso Presidente della Regione Emilia-Romagna per ringraziare tutti i professionisti che con impegno e dedizione si sono impegnati anche nella seconda ondata del covid e che ogni giorno si adoperano per la salute e l'assistenza dei cittadini.

Ad aspettare il Presidente della Regione Stefano Bonaccini, l’Assessore alla Sanità, Raffaele Donini e i componenti della Giunta, la direttrice Generale dell’azienda Usl di Ferrara, Monica Calamai, il Sindaco di Argenta, Andrea Baldini e gli Operatori dell’Ospedale Mazzolani-Vandini.

Grazie davvero al personale sanitario per la professionalità e l’umanità dimostrata, che fa la differenza”. Il presidente Stefano Bonaccini parte dai doverosi e sentiti ringraziamenti agli operatori sanitari nel corso della visita di questa mattina all’ospedale di Argenta, insieme alla giunta regionale, ai vertici dell’Azienda USL di Ferrara e agli stessi professionisti sanitari.

Un’occasione importante, la visita della delegazione regionale al ‘Mazzolini Vandini’, per ringraziare gli operatori che si sono prodigati nell’assistenza ai pazienti e al contrasto della diffusione del Covid, oltre che per presentare l’area dedicata al progetto di integrazione con l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

Due eccellenze pronte a crescere insieme, anche grazie al progetto di riqualificazione da 11 milioni per rendere l’ospedale argentano più bello, sicuro e funzionale” ricorda il presidente Bonaccini, che rimarca l’importanza degli “investimenti per una sanità pubblica, di qualità e di prossimità con una forte presenza territoriale”. Il riferimento è anche al PNRR che prevede investimenti ingenti su case delle comunità, assistenza domiciliare e nuove generazioni.

Una possibilità straordinaria per rilanciare la sanità, mettersi in discussione come segno del progresso e garantire un sistema sanitario al passo con i tempi in una Regione illuminata” conferma la direttrice generale AUSL Monica Calamai, agganciandosi anche al “progetto IOR che dà una visione pregnante all’ospedale di Argenta e quindi un servizio importante per la cittadinanza” chiude la dg, esprimendo “ringraziamento infinito e riconoscenza profonda al corpo sanitario”.

Profonde come le testimonianze degli operatori sanitari: Cinzia Gaiani, coordinatrice USCA, assicura che la categoria “ha dato molto di più di quanto ci è stato chiesto ma l’abbiamo fatto per il bene della nostra comunità con un lavoro di squadra congiunto e integrato”.

È stato un percorso pesante ed estenuante e non è ancora finita, stiamo tornando a respirare ma non dobbiamo abbassare la guardia” aggiunge Claudio Balboni, direzione medica ospedaliera.

A fare gli onori di casa il sindaco di Argenta, Andrea Baldini, che risalta “ questa visita della giunta regionale è un segnale di vicinanza importante verso questo ospedale, con una vocazione ortopedica importante da valorizzare”.

Si inserisce così l’accordo con lo IOR, presentato dal direttore generale Istituto Ortopedico Rizzoli, Anselmo Campagna: “Ridisegniamo il Rizzoli del futuro: qui è previsto l’inizio delle attività entro la fine dell’anno per andare a regime nel 2022, con 1200 interventi l’anno attraverso 110 operatori e una ventina di medici, due unità operative complesse di ortopedia e riabilitazione, terapia intensiva, guardia di anestesia h24, lavorando in maniera integrata con il Pronto Soccorso. Siamo sicuri di poter fare un ottimo lavoro e lo faremo”.

L’ultimo appello viene lanciato dal presidente Bonaccini: “Bisogna fare attenzione alla variante Delta che sta crescendo e stiamo sequenziando ogni caso per evitare che si diffonda il contagio. Le vaccinazioni stanno proteggendo tanto: superato un milione e mezzo di vaccinati con seconda dose, 4 milioni con la prima dose, e tanti sono in attesa. Ora bisogna convincere gli scettici”. Compresi i ‘no vax’ sanitari: Se un medico, infermiere, operatore socio sanitario non sente il bisogno di vaccinarsi deve cambiare mestiere perché ha il dovere di tutelare la salute degli altri”.

QUI LA FOTOGALLERY

Azioni sul documento

Seguici sui social

direttori

 
Strumenti personali