Tu sei qui: Home / Home Page / News / Banca Centro Emilia dona ad Ausl Ferrara 10 ecografi portatili per diagnosi a domicilio

Banca Centro Emilia dona ad Ausl Ferrara 10 ecografi portatili per diagnosi a domicilio

archiviato sotto:
pubblicato il 18/05/2020 09:11, ultima modifica 18/05/2020 09:11
Consegnanti a Claudio Vagnini- Direttore dell’Azienda USL di Ferrara 10 ecografi -non più grandi di uno smartphone- dotati di tutte le sonde necessarie per effettuare un ampio spettro di analisi diagnostiche collegati a tablet per la visualizzazione delle immagini.

Nella sala consiglio della Banca vengono consegnanti nella mani di Claudio Vagnini- Direttore dell’Azienda USL di Ferrara e dell’Ing Bottazzi Direttore del Servizio di Ingegneria Clinica Ausl Reggio Emilia 10 ecografi donati dalla banca. Sono apparecchiature non più grandi di uno smartphone e dotate di un tablet per la visualizzazione delle immagini e dotati di tutte le sonde necessarie per effettuare un ampio spettro di analisi diagnostiche; molto adatte per lavorare in campo sterile e che saranno immediatamente utilizzabili

“In un momento in cui le Aziende Sanitarie sono impegnate per gestire il fronte sanitario e le Banche, che sono fra i servizi essenziali, sull’altro versante caldo, quello economico, abbiamo sentito il dovere come BCC che hanno nel DNA lo sviluppo sociale ed economico del territorio, di destinare un aiuto di entità senza precedenti nella storia della nostra banca. Cosi Giovanni Govoni Direttore di Banca Centro Emilia commenta l’iniziativa promossa dalla sua Banca e accoglie il ringraziamento di Claudio Vagnini : “ Abbiamo davvero bisogno di strumenti che consentano di effettuare diagnosi a domicilio e ringrazio la banca per questa azione così mirata che va al di là dell’emergenza del Covid: il futuro è l’assistenza sul territorio, e questa emergenza ne è stata una dimostrazione, specialmente in un territorio, come il nostro che vede la presenza di molti anziani. Avremmo inoltre strumenti in più per agire in prevenzione ed essere pronti per gestire una eventuale nuova ondata che potrebbe verificarsi in autunno”.

Verranno impiegati immediatamente ed in questo senso stiamo già formando operatori poiché la diagnosi e la refertazione a distanza rientravano già nella progettualità della Ausl di Ferrara  rassicura la sua Direttrice Nicoletta Natalini- inoltre i pazienti guariti da Covid avranno necessità molto importanti di follow up che potrà essere così effettuata anche a domicilio.

L’Ing. Paolo Bottazzi, Direttore del Servizio di Ingegneria Clinica Ausl Reggio Emilia, identifica le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) e le auto mediche come le principali destinazioni degli ecografi ma anche in ambito ospedaliero il personale il medico, essendo dotato di strumenti agili di diagnosi può essere facilitato per indirizzare verso un percorso diagnostico successivo.

“E’ stata proprio Reggio Emilia a suggerirci questo intervento; in un momento in cui tutti donavano dei respiratori la nostra banca ha preferito chiedere ai diretti interessati quali fossero le necessità più immediate” - così il Presidente della Banca Giuseppe Accorsi raccontando la genesi di questo progetto in cui si è speso in prima persona contattando personalmente l’azienda Atl di Milano che sarà impegnata fra l’altro nei prossimi mesi nell’affiancamento del personale sanitario.

Con l’occasione il Direttore Govoni fa il punto sulle misure di sostegno all’emergenza economica messe in campo dalla banca a favore di aziende e privati: 1.200 richieste di moratorie ex art.56 per la sospensione dei finanziamenti da parte delle aziende per un ammontare complessivo di circa 115milioni di euro. Sono 230 sul versante privati le richieste di sospensione dei mutui da inoltrare tramite Consap al Fondo Solidarietà, purtroppo con grande difficoltà nel caricamento delle pratiche. Gli anticipi CIG sono 53 e 14 sono le richieste già lavorate. Per quanto riguarda le PMI che hanno inoltrato richieste per i 25mila euro sono pervenute 1.052 domande: lavorate la metà ma le erogazioni arrivano lentamente: 25 sono quelle liquidate e 72 che lo saranno da lunedì.

Qualche dato viene fornito dal Direttore anche sulla chiusura del bilancio 2019 che dovrà essere approvato da un’assemblea dei soci da tenersi obbligatoriamente a distanza.  L’utile netto ammonta a  3,2 milioni di euro con coperture sul credito deteriorato che  raggiungono il 62,5%. Migliorati anche i Ratios Patrimoniali: il Common Equity Tier One sale dal 13,19% del 2018, anno dell’incorporazione con il Credito Cooperativo Reggiano, al 14,55% di fine 2019. Ma il Total Capital Ratio è al 16,36% indice di una banca fortemente patrimonializzata e altamente al di sopra dei minimi previsti dalla legge.

Sono intervenuti:

  • Giovanni Govoni – Direttore Generale Banca Centro Emilia
  • Giuseppe Accorsi - Presidente del Consiglio di Amministrazione Banca Centro Emilia
  • Claudio Vagnini Direttore dell’Azienda USL di Ferrara
  • Nicoletta Natalini Direttore Sanitario dell’Azienda Usl Ferrara
  • Roberto Rizzati Direttore del Reparto di Radiologia Azienda Usl Ferrara
  • Ing. Bottazzi Direttore del Servizio di Ingegneria Clinica Ausl Reggio Emilia
Azioni sul documento
archiviato sotto:
Strumenti personali