Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / Via libera al nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale

Via libera al nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale

archiviato sotto:
pubblicato il 20/01/2017 10:41, ultima modifica 20/01/2017 10:41
In Conferenza Stato-Regioni. Bambini, adolescenti e anziani tra i maggiori destinatari. Aumenta l'offerta vaccinale gratuita. Venturi: "Maggiore copertura, cultura della prevenzione, meno disuguaglianze" Via libera al nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale

Bologna, 19 gennaio 2017 - Bambini, adolescenti e anziani. Saranno loro i maggiori destinatari del nuovo Piano nazionale di Prevenzione vaccinale 2017-19, approvata oggi dalla Conferenza Stato-Regioni. Un passaggio essenziale, dopo l’approvazione della Legge di Bilancio, che ne assicura la copertura finanziaria, e dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza.

Il Piano, cui la Stato-Regioni ha dato il via libera, consentirà una maggiore offerta vaccinale gratuita. Offerta che comprende, oltre a quelli già previsti, nuovi vaccini quali l’Anti Pneumococco e Zoster per gli anziani, anti Meningococco b, Rotavirus e Varicella per i bambini entro il primo anno di vita, anti Papillomavirus anche per gli adolescenti maschi.

“L’adozione del nuovo Piano vaccinale nazionale rappresenta un risultato di grande importanza- ha detto l’assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi- che consentirà di garantire una copertura il più possibile omogenea per tutti i cittadini italiani. Contiene anche un forte richiamo alla opportunità, anche come scelta personale, di considerare la vaccinazione come un importante strumento di prevenzione. Del resto, proprio sulla prevenzione, in Emilia-Romagna abbiamo puntato moltissimo, facendo da apripista con l’introduzione dell’obbligo vaccinale nei servizi educativi frequentati dai bambini nella fascia 0-3 anni. Importante, poi- prosegue l'assessore- che nel Piano, oltre a mantenere le vaccinazioni contro poliemielite, rosolia e morbillo, ampliando l’offerta, si promuova la cultura delle vaccinazioni. Anche per i professionisti sanitari, tant’è che vengono previste sanzioni in caso di inadempienze. Aldilà degli aspetti più propriamente sanitari- conclude Venturi- trovo davvero, in questo intervento, una particolare attenzione ai bisogni di tutti. Estendere la gratuità dei vaccini a tutto il territorio nazionale, significa superare evidenti disuguaglianze e rendere più omogeneo il panorama italiano.”

L’offerta vaccinale contenuta nel Piano

Per i bambini entro i 13 mesi di vita saranno introdotti i vaccini gratuiti contro il Meningococco b (una delle cause della meningite), e il rotavirus. Per il secondo anno di vita (13-15 mesi) sarà disponibile il vaccino contro la Varicella (attualmente gratuito in sole 8 regioni), anche insieme a quello per morbillo, rosolia e parotite. Per gli adolescenti, il vaccino contro il Papillomavirus (Hpv), causa di tumore alla cervice dell'utero e alla bocca, oggi gratuito per le ragazze, sarà esteso anche ai maschi. Per gli anziani, diverrà gratuito il vaccino contro l'Herpes Zoster, il cosiddetto fuoco di Sant’Antonio, e sarà disponibile gratuitamente in tutte le regioni il vaccino contro lo pneumococco (causa di polmonite e meningite).

Fonte: Regione Emilia-Romagna

Azioni sul documento
archiviato sotto:
Strumenti personali