Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / Riparto dei fondi nazionali della Sanità: oltre 8 miliardi all'Emilia-Romagna, 64 milioni in più rispetto al 2016.

Riparto dei fondi nazionali della Sanità: oltre 8 miliardi all'Emilia-Romagna, 64 milioni in più rispetto al 2016.

pubblicato il 27/02/2017 12:15, ultima modifica 27/02/2017 12:15
Bonaccini: "Risorse per continuare a rafforzare il servizio sanitario regionale a beneficio dei cittadini". Il via libera unanime dalla Conferenza delle Regioni. La solidarietà per le aree dell'Italia centrale colpite dal terremoto.

Bologna – “E’ un buon risultato per l’Emilia-Romagna, ma lo è per tutto il sistema sanitario nazionale, perché vengono garantite le condizioni per offrire buona sanità”.
Così il presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, dopo il riparto del Fondo sanitario nazionale per il 2017, che ha visto il via libera all’unanimità da parte della stessa Conferenza delle Regioni.
All’Emilia-Romagna sono destinati oltre 8 miliardi di euro (8.093.292.447), 64 milioni di euro in più rispetto al 2016. “Sono risorse importanti- sottolinea Bonaccini- che ci consentono di sostenere un Servizio sanitario regionale di cui abbiamo rafforzato la qualità, a beneficio dei cittadini, grazie agli investimenti che abbiamo fatto sulle strutture e gli spazi, le strumentazioni diagnostiche e il personale. Abbiamo poi praticamente azzerato le liste di attesa per esami e visite specialistiche, portato al migliore utilizzo gli impianti e le attrezzature sanitarie e, come detto, investito sul capitale umano, con la recente assunzione a tempo indeterminato di oltre 2.500 professionisti della sanità. E per il 2017 continuerà il nostro lavoro di qualificazione dei servizi e di valorizzazione delle professionalità sanitarie, perché le risorse stanziate ci consentono di proseguire sulla strada che abbiamo intrapreso”.
Nella veste di presidente della Conferenza delle Regioni, Bonaccini ha ricordato l’importanza del “forte segnale di solidarietà interregionale” lanciato dalle Regioni, che hanno tenuto conto, nel riparto, della particolare e drammatica situazione che stanno vivendo le regioni del Centro Italia colpite dal terremoto, destinando per queste zone circa 10 milioni di euro in più.
La proposta licenziata oggi dalla Conferenza delle Regioni sarà inoltrata al ministro della salute, Beatrice Lorenzin, che dovrà completare l’iter amministrativo necessario per poter arrivare alla erogazione delle risorse.

Azioni sul documento
Strumenti personali