Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / La Giornata Mondiale del 1° Dicembre a Ferrara è Write Aids 2016

La Giornata Mondiale del 1° Dicembre a Ferrara è Write Aids 2016

pubblicato il 24/11/2016 12:20, ultima modifica 24/11/2016 14:30
"Proteggersi sempre. Discriminare mai". WRITE AIDS 2016: Incontri con studenti il 1° Dicembre. Novità 2016 lo sport ferrarese che si mobilita: Memorial Mario Cardinelli Run4AIDS. Basket e Volley in campo. I dati su Hiv e Aids.

Ferrara, 24 Novembre 2016. WRITE AIDS IN PRIMO PIANO DAL 2008. La Commissione Interaziendale Azienda Ospedaliero Universitaria-Ausl di Ferrara, dal 2008 è impegnata con il sostegno del Comune di Ferrara e dell'Avis nel progetto "Write Aids", che si presenta all'appuntamento del 1° Dicembre alla Sala Boldini, con il consueto incontro con studenti e insegnanti; quest’anno con l’Istituto Tecnico “L. Einaudi”, il Liceo Artistico Dosso Dossi, l’Istituto Geometri "G.  B. Aleotti"; l’Istituto Tecnico Commerciale “V. Bachelet”, il Liceo Classico “L. Ariosto” e  lo IAL Formazione Professionale.

NOVITÀ: LO SPORT IN CAMPO

La Commissione Interaziendale AIDS ha promosso per l’edizione 2016 iniziative avvalendosi di partner extra-sanitari per favorire la diffusione dell’informazione, arricchendo il programma di tre eventi sportivi "ante 1° Dicembre" grazie alla sensibilità del mondo dello sport.

  • Si parte con la Pallacanestro Bondi Ferrara che la sera di Venerdì 25 Novembre, durante il riscaldamento per l’atteso derby con la Fortitudo Bologna, scenderà in campo con una maglietta personalizzata con la scritta AIDS Worl Day  e una specifica informazione preliminare al pubblico.
  • A seguire, Domenica 27 Novembre alle ore 17 è il turno della Krifi Caffè 4 Torri Ferrara che sempre con maglia personalizzata si prepara all’analogo atteso derby con Softer Volley Forlì.
  • Domenica 27 novembre, infine, in occasione dello storico appuntamento podistico scatta il Run4AIDS del Memorial Mario Cardinelli, dove i partecipanti riceveranno materiale informativo e indosseranno magliette con la scritta “AIDS World Day” offerte dall’Avis.

FOCUS 2016: GIOVANI A RISCHIO.

Le iniziative promosse quest’anno sono rivolte ad una maggiore sensibilizzazione della popolazione giovanile. Questo, in considerazione del fatto che, dall’analisi e andamento dei dati 2014, non solo nella nostra regione ma anche nella proiezione su scala nazionale ed europea, si registra un incremento delle nuove diagnosi nella fascia di età 20-25 anni ed un aumento della positività nei giovani omosessuali.

A più di 30 anni dalla sua comparsa, l’infezione da HIV/AIDS continua ad essere un problema sanitario importante. La scoperta di farmaci che riescono a bloccare la replicazione del virus ha determinato un miglioramento della prognosi dei pazienti, ma l’epidemia è ancora in corso.

Secondo dati riferiti al 2014 (i dati 2015 saranno disponibili dal 1 Dicembre 2016, n.d.r.), ogni anno in Italia vi sono circa 3.500 nuove diagnosi; nella nostra regione i nuovi casi sono circa 400: questo testimonia che il virus HIV è ancora diffuso nella popolazione.

La trasmissione è quasi esclusivamente per via sessuale, sia omo sia eterosessuale, e per questo il maggior numero di casi è nella fascia di età 25-45 anni, con un critico incremento nella fascia 20-25 anni.

Il tema della prevenzione rimane, quindi, il cardine per il controllo della diffusione della infezione: avere rapporti sessuali protetti con preservativo ed avere comportamenti sessualmente responsabili rimane il modo più efficace per difendere la salute, propria e altrui.

SINERGIE

Quest’anno la volontà è stata quella di unire le forze e realizzare un progetto comune che vede la collaborazione tra Commissione Interaziendale per la Lotta all’AIDS, costituita da professionisti della Azienda Ospedaliero- Universitaria,  Azienda USL e AVIS Ferrara,  l’associazione  Circomassimo-Arcigay e Arcilesbica Ferrara e Farmacie Comunali Ferrara con il Patrocinio del Comune di Ferrara e la Regione Emilia Romagna. La sinergia tra queste realtà ha portato come risultato una giornata ricca di eventi che sono la sintesi delle singole esperienze pregresse dei soggetti promotori.

Nel corso della presentazione alla stampa sono intervenuti: gli assessori alla Sanità, Servizi Persona, Politiche Familiari Chiara Sapigni e alla Pubblica Istruzione Annalisa Felletti, il direttore sanitario dell'Azienda Ospedale Eugenio Di Ruscio, il direttore generale dell'Azienda Usl Claudio Vagnini, il presidente provinciale AVIS Florio Ghinelli, la referente della Commissione Interaziendale contro l'Aids e U.O. Malattie Infettive Azienda Ospedale Laura Sighinolfi, il direttore generale di AFM Riccardo Zavatti e Manuela Macario presidente Circomassimo Arcigay e Arcilesbica Ferrara.

Tutti, con diverse sfumature, hanno ribadito l’esigenza di una maggiore informazione e incisività delle azioni: dalla comunicazione alla prevenzione, alla responsabilità per diffondere consapevolezza di una malattia conseguente stili di vita sessuale ad alto rischio. Il video della conferenza stampa è disponibile su  www.writeaids.it/conferenzastampa2016 oppure www.ferrarabynight.com/writeaids2016

1 DICEMBRE 2016

  • Il mattino, alla Sala Boldini, dalle ore 9, consueto incontro, diffuso in streaming web, con studenti e insegnanti, quest’anno degli istituti Tecnico “L. Einaudi”, Liceo Artistico Dosso Dossi, Geometri "G.  B. Aleotti"; Tecnico Commerciale “V. Bachelet”, Liceo Classico “L. Ariosto” e IAL Formazione Professionale. Quest’anno l’incontro pubblico vedrà anche la partecipazione di Arcigay Ferrara.
  • Il pomeriggio del 1 Dicembre, dalle 15 alle 20, organizzato da Circomassimo-Ferrara presso la sede LGBT di Via Ripagrande 12 a Ferrara, sarà aperto un presidio per l’offerta gratuita del test HIV rapido salivare a cura del personale sanitario del reparto malattie infettive dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara. I tamponi salivari sono offerti da Avis Comunale e da AFM Farmacie Comunali di Ferrara la quale metterà a disposizione anche un certo numero di profilattici per la distribuzione gratuita il 1° Dicembre.
  • Alle ore 18, sempre presso la sede di via Ripagrande, si svolgerà un dibattito pubblico informativo incentrato sul tema della prevenzione, dell’educazione alla salute e ai comportamenti responsabili dal titolo “Informare=Prevenire” con Laura Sighinolfi medico infettivologo, Florio Ghinelli Presidente Avis Ferrara e Michele Breveglieri responsabile nazionale area sanità di Arcigay; al termine, aperitivo offerto dal Gruppo Giovani Circomassimo accompagnato da Dj set Miranda. Durante la giornata saranno distribuite le cartoline della campagna di prevenzione e informazione Loveyourself,  realizzate da personaggi della politica, della cultura e dello spettacolo di fama nazionale.

Le iniziative del 1° Dicembre 2016, sono promosse dal Comune di Ferrara, Assessorato alla Sanità e Assessorato alle Pari Opportunità, con la Commissione Interaziendale Azienda Ospedaliero Universitaria-Ausl di Ferrara, e dalle associazioni LGBT della città di Ferrara, Circomassimo, Arcigay e Arcilesbica.

Il progetto ha il sostegno della Regione Emilia Romagna e il contributo di AFM Farmacie Comunali e AVIS provinciale di Ferrara. Al progetto collaborano per il mondo sportivo Uisp, Pallacanestro Bondi Ferrara, Krifi Caffè 4 Torri Ferrara.

I DATI SULL’AIDS. La diagnosi d’infezione da Hiv  è stabile : 353 nuovi casi nel 2013 e 379 del 2014. Questi sono i dati disponibili per l’Emilia Romagna in occasione della Giornata mondiale per la lotta all’Aids, che Lunedì 1° dicembre, ha lanciato la nuova campagna, “Proteggersi sempre. Discriminare mai”, slogan ideato per contrastare, da un lato, la sottovalutazione del rischio e, dall’altro, lo stigma, il pregiudizio e la discriminazione nei confronti di chi è sieropositivo o malato di Aids.

Il rapporto di fine 2014 della Regione Emilia Romagna, evidenzia come solo nell’11% dei casi il test è stato eseguito perché la persona si è resa conto di aver tenuto comportamenti a rischio, mentre il 39,9% aveva già sintomi significativi

Le terapie per HIV oggi disponibili sono molto efficaci e contribuiscono alla riduzione della contagiosità delle persone infette, ma la prevenzione rimane il cardine per il controllo della infezione

Il modo di trasmissione è ormai quasi esclusivamente sessuale, con un 92% nei casi del 2014, e una persona su due, pari al 50,3%, scopre di aver contratto l’infezione quando è già in uno stadio avanzato della sieropositività, o, addirittura, quando è malata di Aids.

C’è ancora poca consapevolezza sul fatto che una diagnosi tardiva non permette di accedere tempestivamente alle terapie antiretrovirali e ne riduce l’efficacia.

TUTTE LE INIZIATIVE REGIONALI. Sono sul portale del Servizio Sanitario Regionale www.saluter.it

Il sito internet www.helpaids.it  è, invece, dedicato al tema e offre, nel rispetto dell'anonimato, risposte e consulenze con un’equipe di infettivologi, psicologi, ginecologi e ostetriche.

Il Numero Verde Aids 800 856080  è attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 14 alle 18; il Lunedì anche 9 -12

I DATI 2014 SULLE INFEZIONI DA HIV A FERRARA E IN EMILIA-ROMAGNA.

A Ferrara, nel 2014, si sono registrati 29 nuovi casi che si aggiungono ai circa 600 pazienti seguiti dall’Ambulatorio HIV-AIDS del servizio malattie infettive dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara con un costo di  quasi 4 milioni di euro a carico della servizio sanitario pubblico.

In Emilia Romagna, invece, a oggi, sono 379i nuovi casi, specialmente nella fascia tra i 25 e 40 anni in maschi sessualmente attivi.  Anche per il 2015 i dati dovrebbero essere sovrapponibili. Punto d’efficienza del sistema di prevenzione è il test alle donne in gravidanza, grazie al quale dal 1996  non si registra a Ferrara  nessun nuovo  caso tra i nascituri  di madri sieropositive.

Una stabilità del dato che, comunque, non rassicura gli addetti ai lavori e i professionisti, ma che, anzi, impone un’intensificazione della vigilanza e delle azioni di prevenzione e informazione, confermata dai 2,5 milioni di euro stanziati per la formazione degli operatori sanitari e l'informazione della popolazione.

Queste le caratteristiche prevalenti della persona sieropositiva, sempre nel periodo 2006-2014: maschio (il 72,7% dei casi), di età tra 30 e 39 anni (33,5%), di nazionalità italiana (70,9%).

Il rapporto maschi/femmine è di 2,8 maschi sieropositivi per ogni donna, in leggero aumento.

Tra le donne, la fascia di età con più diagnosi è più bassa rispetto ai maschi: 20-29 anni.

La modalità di trasmissione principale si conferma essere quella sessuale: negli otto anni di osservazione ha raggiunto l’86,1% di tutte le diagnosi di Hiv (e il 92%nel solo 2014) e il 42%% è dovuta a rapporti eterosessuali non protetti e il 50% a rapporti omosessuali o bisessuali).

La percezione di aver adottato comportamenti a rischio tra le persone risultate positive all’Hiv è molto bassa: solo 11%  l’ha dichiarata come motivazione di esecuzione del test (mentre nel 39,9% dei casi per sospetta patologia correlata all’Hiv o per sospetta malattia a trasmissione sessuale).

Il 20% di tutte le donne con diagnosi di Hiv ha scoperto di essere sieropositiva in occasione dei controlli per gravidanza (erano il 18,8% l’anno precedente).

Le persone che giungono tardi alla diagnosi d’infezione da Hiv - ovvero con Aids conclamato e/o con il sistema immunitario molto danneggiato (denominate “late presenters”) -sono il 49,9% di tutte le diagnosi Hiv nel periodo 2006-2014, mentre a livello nazionale la proporzione è maggiore: negli ultimi anni si è attestata intorno al 57%.

 

PROGRAMMA WRITE AIDS 2016    -  GIOVEDÌ 1°  DICEMBRE*  - SALA BOLDINI - FERRARA

8.30 - 9.00                         Video Mostra Write Aids 2016.  Intrattenimento.

9.00 - 9.15                         Saluto Autorità. Chiara Sapigni Assessore Sanità del Comune di Ferrara

9.15 - 9.30                         #AIDS_since1980: vicino a noi. #AIDSStory. A cura di Progetto Free Entry.

9.30 - 10.00                      #HIVeMST_ORA: ancora un problema?  Laura Sighinolfi, Az. Ospedaliero-Universitaria Ferrara.

10.00 - 10.15                    #AVIS sangue sicuro.  Florio Ghinelli, Presidente Provinciale AVIS.

10.15 – 10.45                   Intervallo.  Intrattenimento Musicale.

10-45 - 11.45                   #AIDS_Cinema. Selezione di film a cura di Eugenio Melloni, sceneggiatore e regista.

                                               #AIDS_Commenti   Luisa Garofani, direttore Servizio Dipendenze Patologiche  Ausl Ferrara.  

11.45 – 12. 00                 #HIV_da stigma a rispetto.  Manuela Macario, Presidente Arcigay Ferrara

12.00 – 12.15                 #AIDS_Ascoltiamoci dal Vivo.  Gli Operatori di Spazio Giovani Ausl Ferrara.         

12.15 - 12.45                   #AIDS_Riflessioni   discussione e risposta alle domande

 

FONTI DOCUMENTARIE:              www.helpaids.it             www.ausl.fe.it     https://www.facebook.com/AUSLFe/            www.ospfe.it     

 VIDEO RIPRESE:                               Student TG - Istituto Tecnico Einaudi Ferrara.

https://www.youtube.com/channel/UCtuXqAmrLWMauU5m8LPt-Cg

 

* STREAMING WEB:                            Ferrara By Night.    http://www.youtube.com/watch?v=9SKM0bnWzM4

www.ferrarabynight.com/wad2016

 

La Giornata Mondiale contro l’Aids del 1° Dicembre è realizzata a cura di:

  • Unità Operativa Complessa Malattie Infettive Ospedaliera Sezione HIV/AIDS Azienda Ospedaliero-Universitaria
  • Servizio Consultorio Spazio Giovani -  Dipartimento Cure Primarie Ausl Ferrara
  • Servizio Dipendenze Patologiche. Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale Dipendenze Patologiche. Ausl

 

Alla Giornata del 1 Dicembre 2016 sono stati invitati ad intervenire gli organi d’informazione:

  • Estense.com  -  Ferrara
  • Il Resto del Carlino - Edizione Ferrara
  • La Nuova Ferrara
  • Radio Sound  - Codigoro
  • Telestense - Ferrara
Azioni sul documento
Strumenti personali