Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / Inaugurata la Nuova Casa della Salute di Codigoro: una struttura vocata all’implementazione della rete delle cure palliative

Inaugurata la Nuova Casa della Salute di Codigoro: una struttura vocata all’implementazione della rete delle cure palliative

pubblicato il 17/11/2015 17:25, ultima modifica 17/11/2015 17:26
La struttura, già attiva, offre alla popolazione una rete di servizi integrati con gli Ospedali del territorio provinciale attraverso sinergie, lavoro in team ed addestramento all’ascolto, elementi qualificanti della struttura di Codigoro

Taglio nastro Codigoro 17.11.2015Inaugurato alla presenza del Direttore Generale AUSL Ferrara Paola Bardasi, del Direttore del Distretto Sud Est Gianni Serra e dell’Assessore Regionale alle Politiche per  la Salute Sergio Venturi, la nuova Casa della salute di Codigoro. “Un momento che conferma il prezioso percorso di qualificazione fatto dalla provincia di Ferrara per garantire servizi di qualità alla sua popolazione che l’hanno portata ad essere all’avanguardia sul panorama regionale e nazionale”.
 “Un ringraziamento a tutti gli operatori, cittadini e Associazioni di Volontariato che con il loro operato e grande disponibilità hanno permesso oggi l’inaugurazione di questa nuova struttura – come ha sottolineato Paola Bardasi, Direttore Generale dell’Azienda USL - che già offre alla Comunità locale, ma non solo, una rete di servizi integrati con gli Ospedali del territorio provinciale”.
All’evento erano inoltre presenti, insieme al Sindaco di Codigoro Rita Cinti Luciani che ha aperto i lavori della mattinata, anche gli Amministratori dei Comuni della Provincia di Ferrara.

Le Case della Salute fanno parte del nuovo sistema di assistenza delle cure intermedie, l’area della “terra di mezzo”, che accoglie ed indirizza il paziente “fragile”  - sano, occasionale, cronico - nel suo percorso all’interno del sistema sanitario pubblico.
Si identifica fortemente con un luogo fisico, nel quale si incontrano e si integrano i saperi ed i professionisti, per rispondere in modo appropriato al paziente complesso, alla sua presa in carico, alla sua prossimità. “All’interno della Casa della Salute ci sono diverse “stazioni” - spiega Bardasi - ambulatori di medici di medicina generale, ambulatorio infermieristico, ambulatori specialistici e ancora Ospedali di Comunità, Hospce, RSA.  Ogni Casa della Salute risponde ad un modello, o ad essere più precisi, a caratteristiche che ne diventano specificità: le stesse del territorio in cui si inserisce. Proprio come luogo fisico, infatti, deve ritornare ai cittadini, alle Associazioni, alle rappresentanze e favorire l’incontro tra diversi  Enti che si occupano della società, quali le scuole, le amministrazioni ed il sociale per citarne alcune”.

La struttura in cui si trova la Casa della Salute, in passato sede dell’Ospedale di Codigoro, ha il uo bacino di riferimento nella popolazione residente nei comuni di Codigoro, Mesola, Goro e Fiscaglia, pari a 32.341 abitanti (aggiornamento al 2014). Nella Casa della Salute di Codigoro ha sede il Nucleo di Cure Primarie costituito da 29 medici di Medicina Generale, svolgono l’attività convenzionale 4 medici di medicina generale associati in gruppo e un pediatra di libera scelta.
Tutti i medici del Nucleo di Cure Primarie partecipano alle progettualità della Casa della Salute, garantendo così un’offerta socio-sanitaria di qualità.
Nella Casa della Salute di Codigoro svolgono parte della propria attività 2 pediatre di comunità e un medico igienista che, in integrazione, garantiscono elevate coperture vaccinali (oltre il 96% per le vaccinazioni obbligatorie e fortemente raccomandate nella popolazione infantile).

Nella Casa della Salute, inoltre, area materno-infantile e sociale sono integrate sul percorso nascita (gravidanza fisiologica gestita dall’ostetrica, supporto al puerperio), nel consultorio giovani e sui casi complessi in carico alla neuropsichiatria infantile.
Nella Casa della Salute sono attivi, al momento, due percorsi assistenziali: diabete e ipertensione. In particolare, nel percorso assistenziale per il diabete, sono stati presi in carico 1.127 pazienti,  pari all’11% dell’intera popolazione affetta da diabete e presa in carico nella Azienda USL di Ferrara (10.166 pazienti). Di prossima attivazione anche il PDTA per lo scompenso cardiaco e per la broncopneumopatia cronico ostruttiva.

Due le caratteristiche distintive che la Casa della Salute di Codigoro vanta:
-    al suo interno è presente 1 Hospice territoriale con 11 posti letto che opera in  integrazione/collaborazione con il Servizio di Assistenza Domiciliare e con la rete ospedaliera ed è inserito nella Rete Provinciale delle Cure Palliative.
Nella Casa della Salute di Codigoro è attivo il punto unico di accesso alle cure palliative distrettuale, il case manager esperto in cure palliative, il nodo ambulatorio di cure palliative e il nodo domicilio, in applicazione alla Delibera di Giunta Regionale n. 560 del 2015.

-    Telecardiologia: il servizio consente, a fronte di una  richiesta di elettrocardiogramma, la possibilità all’infermiere che effettua l’esame strumentale, di inviarlo al cardiologo dell’Ospedale del Delta per la refertazione al medico di medicina generale.

La realizzazione della  Casa della Salute di Codigoro è stata prevista dal Piano delle Azioni  2015/ 2016 (approvato dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria il 27 luglio scorso), inserite nel piano strategico provinciale 2013-2016  su Ospedali e Distretti.  Per quanto riguarda la programmazione specifica del Distretto Sud Est - area territoriale di Codigoro, è stata prevista nell’anno 2015 la realizzazione della Casa della Salute con una particolare vocazione all’implementazione della rete delle cure palliative.
Nella Casa della salute di Codigoro è attivo, infatti, dall’ottobre 2008 l’Hospice “Le Onde del Mare”, che ha superato la seconda verifica per l’accreditamento nell’anno 2014. Questa struttura è caratterizzata da forti sinergie e integrazioni fra i servizi distrettuali, i medici di medicina generale e le associazioni di volontariato.
Nell’Hospice opera un medico palliativista dipendente e afferente al Dipartimento di cure primarie, un medico di medicina generale coordinatore dell’assistenza e personale infermieristico in convenzione con il volontariato (ADO).

Team 2 Codigoro 17.11.2015Tutt’altro che scontati il lavoro in team e l’addestramento all’ascolto, questi risultano essere gli elementi cruciali per una buona qualità dell’assistenza in particolare nelle cure palliative, sulla quale si basa il buon funzionamento delle Case della Salute in generale e che qualificano la struttura di Codigoro.
Espressione di forte integrazione professionale e valorizzazione del personale sanitario sono anche le altre progettualità presenti in questa Casa della Salute, quali:

  • Continuità Ospedale/ Territorio nelle dimissioni protette affidata ad un case manager infermieristico dell’assistenza domiciliare;
  • Percorso nascita e gestione della gravidanza fisiologica affidata all’ostetrica;
  • Attività vaccinale affidata al personale infermieristico con la presenza del medico in struttura;
  • Punto di Accoglienza (PDA) infermieristico per la presa in carico dei pazienti che necessitano di prestazioni ambulatoriali da effettuare in altre sedi (Delta, Comacchio).


Per sviluppare ulteriormente la cultura dell’integrazione sono stati in parte realizzati e sono previsti nel prossimo piano formativo una formazione specifica per la rete delle cure palliative e una formazione dedicata al lavoro in team nelle case della salute.
Come previsto dalla Delibera di Giunta Regionale n. 560 del 2015 e come recepito dalla Delibera Aziendale n. 259 del 29 ottobre 2015, la rete di cure palliative del Distretto Sud Est vede nella Casa della Salute la presenza anche del:
- NODO domicilio con l’Unita di cure palliative domiciliari di base e specialistica, l’unità di valutazione multidimensionale, il punto unico di accesso alle cure palliative, la figura del case manager infermieristico ed il punto di riferimento per il paziente e la famiglia;
- NODO ambulatorio di cure palliative per una presa in carico precoce dei pazienti che necessitano di cure palliative, ancora in condizioni cliniche soddisfacenti e deambulanti.
Per quanto riguarda il NODO Ospedale il medico palliativista dell’Hospice effettua consulenze palliativiste nei reparti ospedalieri del Delta e di Argenta (reparti di area medica e DH/ambulatori oncologici). Il medico palliativista che opera in questa Casa della Salute, inoltre, è stato individuato come coordinatore provinciale della rete di cure palliative.
Partendo proprio da questa esperienza avanzata nella provincia di Ferrara, nei prossimi mesi verrà completata tutta la rete in ambito aziendale.

FOCUS: La struttura ed il piano finanziario di realizzazione

L'edificio di via Cavallotti 347 a codigoro, sede della Casa della Salute, è composto di più piani per complessivi 9.748 mq, dei quali più di 7.000 diverranno Case della Salute.
La struttura è stata oggetto di importanti interventi:

A.    Ristrutturazione edile-impiantistica per RSA ed altri reparti (anni 1999-2012)
Importo dei principali lavori : 1.262.462,07 €
Così finanziati:
Finanziamento ex Art. 20 L. 67/88 quota a carico dello Stato              1.125.876,04 €
Finanziamento ex Art. 20 L. 67/88 quota a carico Regione            59.256,72 €
Fondi AUSL Ferrara                                77.329,31 €

B.    Realizzazione nuovo Hospice (anni 2003-2005)
Importo lavori: 1.290.830,00 €
Così finanziati:
Fondi Statali                                609.419,14 €
Fondi AUSL Ferrara                            681.410,86 €

C.    Adeguamento struttura alle norme Antincendio (anni 2012-2013)
Importo lavori: 653.561,70 € Interamente finanziato con Fondi AUSL Ferrara

COSTO COMPLESSIVO: 3.206.853,77 €
I nuovi ambulatori e le modifiche alla struttura sono state eseguite con personale dell’AUSL di Ferrara e quindi con costi di manutenzione ordinaria di circa 10-15.000 € afferenti agli esercizi economici 2014 e 2015.

Azioni sul documento
Strumenti personali