Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / Ancora pochi giorni per iscriversi ai corsi di formazione de LA SOCIETÀ A TEATRO

Ancora pochi giorni per iscriversi ai corsi di formazione de LA SOCIETÀ A TEATRO

archiviato sotto:
pubblicato il 29/08/2016 11:20, ultima modifica 05/09/2016 11:29
Scadono il 10 settembre i termini per le iscrizioni al percorso formativo “Professioni sociali e arti performative: due mondi in alleanza per l’integrazione, l’educazione, la riabilitazione” riservato ad operatori sociali e socio-sanitari, insegnanti e studenti

Nel 2007 nasce a Ferrara LA SOCIETÀ A TEATRO (LST) che mette insieme associazioni culturali e di promozione sociale, Volontariato, compagnie teatrali, enti pubblici e privati.  In esso sono attivi artisti, educatori, operatori della salute e della cultura, volontari, utenti, comuni cittadini di ogni età e condizione, accomunati dal riconoscimento di una possibilità di inclusione e partecipazione sociale attraverso le arti performative, facendo soprattutto della pratica teatrale un territorio accogliente per tutti e una nuova forma di dialogo con la città e con le sue generazioni.
Dal 2015 il progetto ferrarese LA SOCIETÀ A TEATRO (LST) ha dato avvio al primo percorso formativo/informativo da collegare al Progetto, al fine di incontrare operatori sociali e socio-sanitari, volontari, educatori professionali e dirigenti/responsabili/coordinatori di servizi volti ad ambiti sociali, insegnanti e studenti, in un percorso di crescita e conoscenza da fare assieme, in cui fosse possibile parlare e confrontarsi su tematiche sociali partendo dalla visione di spettacoli teatrali.
Gli ottimi risultati di partecipazione e interesse raccolti dalla prima edizione hanno motivato gi organizzatore a percorrere questo obiettivo anche in occasione dell’edizione 2016 del Progetto LST.

PERCORSO DESTINATO ALLE SCUOLE

All’interno de LA SOCIETÀ A TEATRO vi sono gruppi che fanno pratica teatrale nell’ambito della psichiatria, della disabilità, in carcere, nei quartieri e nelle comunità periferici, con gli adolescenti e con le scuole.
Dopo tanti anni di lavoro nel coordinamento di questo progetto, ci si è resi conto di quanto il linguaggio teatrale consenta un avvicinamento dei giovani alle diverse e complesse dimensioni del sociale, passando per canali molto più diretti della parola, essendo presenti – nel teatro – elementi formativi importanti come l’aggregazione, l’emozione, la comunicazione.

Per questo gli insegnanti (e gli eventuali studenti interessati) sono invitati  partecipare, anche alla luce delle recenti Indicazioni strategiche per l'utilizzo didattico delle attività teatrali per l'anno scolastico 2016/2017 presentate da Davide Faraone (Sottosegretario di Stato all’Istruzione), che fanno uscire l'attività teatrale in ambito scolastico dal campo della sperimentazione per diventare a tutti gli effetti esperienza curricolare: per gli studenti nell’ambito del loro percorso di apprendimento, e per gli insegnanti nell’ambito dell’arricchimento e dell’aggiornamento della loro professionalità.

PERCORSO DESTINATO AD OPERATORI SOCIALI E SOCIO-SANITARI

Dopo tanti anni di lavoro nel coordinamento di questo progetto, ci siamo resi conto di quanto il linguaggio teatrale consenta un arricchimento delle competenze e delle sensibilità di coloro che operano nel lavoro di cura, in ambito socio-sanitario e socio-educativo. Fare teatro con persone che esprimono una diversità rispetto alla norma (persone disabili, persone malate, persone con problematiche di salute mentale, persone in situazioni di marginalità sociale, ecc.) significa tenere sempre presente la specificità della persona e la necessità di sperimentare ogni strumento possibile - linguaggi artistici compresi - per realizzare un incontro con essa, considerando l’incontro come il primo necessario passo di un cammino verso la sua inclusione o la sua  riabilitazione.
Fare teatro in ambiti di marginalità o di rischio di marginalità fa emergere aspetti delle persone che nel quotidiano ordinario difficilmente emergerebbero. In questa prospettiva, il teatro diventa un tempo e un luogo che, oltre ad affermare il diritto di tutti alla libertà di espressione, può aggiungere informazioni utili alla cura o al progetto educativo. Certamente rappresentando, anche, un tempo e un luogo che consente agli operatori di modificare il rapporto con il proprio ruolo, spostandone i limiti e modificandoli in funzione di una relazione più consapevole con i propri utenti.
Le esperienze teatrali nel sociale sono, innanzitutto, esperienze di conoscenza di sé e delle modalità con cui entrare in ascolto dell’altro. Possono quindi offrire un passaggio importante nella formazione di personale orientato al lavoro di cura ed al lavoro educativo a contatto con le diverse forme di fragilità, trattandosi di professioni nelle quali la coscienza di sé e la capacità di ascolto e di relazione sono istanze fondamentali.     

La formazione prevede:

  • Visione di almeno il 75% degli spettacoli della rassegna autunnale:

martedì 4 ottobre – ore 16. PARATA LST/Inaugurazione Emporio Solidale Il Mantello/Giornata Nazionale del Dono
giovedì 6 ottobre – ore 11.00 Sala Estense, Gruppo Nati dal nulla in Il mondo dei grandi - regia Teatro Cosquillas.
giovedì 27 ottobre - ore 11.00 Teatro De Micheli (Copparo), Gruppo Bariolè del Centro Perez – Città del Ragazzo in Solo lacrime di gioia - regia Teatro Cosquillas
giovedì 27 ottobre - ore 21.00 Sala Estense, Teatro La Ribalta - Accademia Arte della diversità di Bolzano in
Ceci n'est pas un spectacle - regia di Antonio Viganò
venerdì 11 novembre – ore 21.00 Sala Estense e sabato 12 novembre – ore 10.00 Sala Estense
WEFREE Il progetto di prevenzione della Comunità di San Patrignano, presenta LO SPECCHIO, frammenti di una favol@cida, regia Pascal La Delfa
martedì 15 novembre – a partire dalle ore 16.30 sino alle 23.30, ImpressionARTI. Il sociale raccontato dal cinema e dalla fotografia. Rassegna di cortometraggi (Cinema Boldini).  Inaugurazione mostra fotografica di Cristiano Lega (Ridotto del Teatro Comunale).
martedì 22 novembre - Teatro Comunale di Ferrara. IV Giornata dentro e intorno al progetto LST
sabato 26 novembre – ore 21.00 Sala Estense, Compagnia Urzene (Torino) in Alfabeto - regia di Alberto Valente, testi di Salvatore Smedile
martedì 5 dicembre - ore 21.00 Sala Estense - Finale del laboratorio teatrale del Gruppo La Ginestra (Coop.va Serena), condotto da Agnese Di Martino

  • Partecipazione obbligatoria ai seguenti incontri ad approccio teorico e pratico

Sabato 12 novembre, dalle 16.00 alle 18.00: Workshop con Patrizia Russi di WEFREE, il progetto di prevenzione della Comunità di San Patrignano [la sede sarà comunicata a tutti gli iscritti al corso, appena possibile];
Domenica 27 novembre, dalle 10.00 alle 15.00 presso Sala prove del Teatro Comunale di Ferrara: Workshop con Alberto Valente e Salvatore Smedile, della Compagnia Teatro Urzene di Torino.

  • Partecipazione obbligatoria all'incontro finale  di Sabato 10 Dicembre dalle 15 alle 17, durante il quale il Dr. Giuseppe Lipani dell’Università di Ferrara terrà una relazione conclusiva come momento di riflessione e condivisione delle suggestioni ricevute dalla visione degli spettacoli e di sintesi di tutto il percorso.


C’è tempo fino al 10 settembre 2016 per iscriversi ai due percorsi formativi attivati. L’iscrizione è completamente gratuita (compreso l’accesso agli spettacoli della rassegna) e prevede il rilascio di un attestato finale. Bando e modalità di iscrizione sono disponibili nella sezione Eventi e convegni.

Azioni sul documento
archiviato sotto:
Strumenti personali