Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2012 / Realizzazione Nuovo Pronto Soccorso SS.ma Annunziata di Cento

Realizzazione Nuovo Pronto Soccorso SS.ma Annunziata di Cento

pubblicato il 17/10/2012 13:05, ultima modifica 14/11/2012 14:12
Il progetto può ora diventare realtà grazie alla convenzione sottoscritta dai vertici di Azienda USL e Fondazione Carice. Per la firma della convenzione erano presenti Paolo Saltari, Direttore Generale AUSL e Milena Cariani, Presidente Fondazione Carice

Realizzazione Nuovo Pronto Soccorso SS.ma Annunziata di Cento (2)Una prima tappa per la realizzazione di un progetto molto ambizioso per l’Ospedale di Cento, che diventa ancor più importante dopo le vicende vissute a causa del terremoto - come ricordato da Saltari - Opere come queste sono possibili solo grazie all’integrazione di pubblico e privato e il territorio di Cento è tra i più attenti. Sono più di 60 mila i cittadini del territorio del distretto Ovest, ma è anche il punto di riferimento per chi abita nel basso modenese, a maggior ragione dopo il terremoto che ha danneggiato diversi ospedali.
Molto soddisfatto anche il Sindaco di Cento, Piero Lodi, presente all’incontro - con questa firma si dà il via ad una trasformazione sia dell’ospedale che dello stesso territorio, un Ospedale che ha retto all’emergenza e che ora si sta rimodernando.  Un plauso ai vertici e agli operatori dell’Azienda USL che stanno lavorando per raggiungere questo importante obiettivo, ma anche un plauso per Fondazione e per Cassa di Risparmio di Cento, per le importanti  risorse messe a disposizione del pubblico.
Un passo importante, compiuto in presenza anche di numerosi rappresentanti del consiglio di indirizzo e d’ammistrazione di Fondazione e Cassa di Risparmio di Cento Spa, tra cui Carlo Alberto Roncarati, Presidente di Carice Spa, che ha voluto ringraziare tutti per l’idea e l’iniziativa che è partita a sostegno dell’ospedale - nonostante le grosse difficoltà che il nostro paese sta affrontando su più fronti – ben vengano gli interventi integrativi per andare in aiuto alla popolazione. La stessa Banca, con questa consapevolezza, sta mettendo in campo diverse azioni di rinuncia e risparmio, per riuscire ad andare incontro il più possibile alle esigenze di cittadini bisognosi.
Milena Cariani, Presidente di Fondazione Carice, ha ricordato che l’impegno preso per la realizzazione del nuovo PS non è una novità per Fondazione - Fondazione Cassa di Risparmio di Cento ancora una volta a scelto di sostenere il territorio e una comunità allargata per offrire un servizio migliore e più efficiente con la realizzazione di un nuovo Pronto Soccorso. Questo intervento della Fondazione a favore dell’Ospedale di Cento è un segnale importante della continuità e dell’attenzione che da sempre viene data al nosocomio centese. Negli anni la Fondazione ha contribuito alla costruzione di Nuova Villa Verde, all’acquisto della Risonanza Magnetica e della TAC di ultima generazione, i letti di terapia intensiva, gli impianti di climatizzazione per vari reparti, la segnaletica del CUP, l’attrezzatura per la chirurgia e per il laboratorio analisi e tanto altro. Un grazie però anche ad Azienda USL di Ferrara per aver portato a Cento professionisti validi, infatti la sola struttura muraria senza efficienti professionisti non può valere.
Realizzazione Nuovo Pronto Soccorso SS.ma Annunziata di Cento (4)
L’intervento, che propone la realizzazione di un nuovo fabbricato per il Pronto Soccorso dell’Ospedale “ SS.ma Annunziata di Cento”, sarà interamente finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento per un importo totale di € 1.500.000. La direzione lavori sarà affidata alla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento che nominerà un direttore dei lavori allo scopo di controllo della realizzazione dell’opera che prevede la demolizione della palazzina di via Cremonino, che attualmente ospita gli ambulatori del servizio materno infantile al piano terra e alcuni servizi al piano superiore. Queste attività sanitarie saranno poi trasferite in altra area dell’ospedale.
Al fine di creare il minimo impatto dal punto di vista ambientale, si è deciso di mantenere la struttura su due piani, costruendo il nuovo corpo di fabbrica in adiacenza alla radiologia, occupando la sola area attualmente già pavimentata, senza sottrarre altro verde al parco.

Il nuovo Pronto Soccorso si svilupperà come segue:

PIANO TERRA

  • camera calda per n.2 ambulanze più accesso auto esterne
  • sosta autisti
  • decontaminazione paziente
  • ingresso pedonale
  • sala attesa
  • servizi igienici
  • triage- attesa barellati
  • osservazione breve intensiva
  • ambulatori   
  • deposito sporco   
  • deposito pulito    

PRIMO PIANO

  • studi medici con annesso bagno
  • ufficio caposala
  • stanza medico di guardia dotata con bagno
  • stanza relax
  •  deposito sporco
  • deposito pulito
  •  locale quadri elettrici
  • vani tecnologici impianti

L’intervento coinvolgerà, pertanto, anche parte della radiologia, cogliendo l’occasione per razionalizzare ed ampliare gli ingressi dell’utenza esterna e per quella proveniente dal Pronto Soccorso. La nuova struttura ed i nuovi percorsi consentiranno una maggiore rapidità di intervento sul paziente afferente al Pronto Soccorso e, attraverso la creazione di nuovi spazi di attesa, ridurrà il transito dell’utenza lungo i corridoi della radiologia.
A seguito della nuova collocazione si è dimostrata di estrema importanza la collaborazione con l’Amministrazione Comunale per le soluzioni da adottare in materia di viabilità su via Cremonino e via Vicini: per il transito dei veicoli privati e dei mezzi di soccorso, così come per le aree di parcheggio specificatamente dedicate agli utenti.

CONTESTO NEL QUALE È INSERITO L’INTERVENTO

L’Ospedale SS.ma Annunziata a Cento, occupa un intero isolato nel cuore della città: nel tempo e a causa di progressivi ampliamenti all’intero complesso sono stati aggiunti corpi di fabbrica sempre destinati a spazi sanitari che ne hanno in parte saturato la superficie. L’aspetto architettonico di questi edifici, risulta frammentario e necessita di un intervento unitario teso a restituire un’immagine rassicurante e piacevole in armonia con le tipologie edilizie preesistenti. L’avvio delle attività nei nuovi fabbricati ha decentrato una serie di funzioni, maggiormente gestibili dal punto di vista dell’affluenza del paziente, distinguendo in tale modo la parte delle funzioni diurne, da quelle volte alle cure in ricovero ospedaliero.
La vicinanza dell’accesso del Pronto Soccorso con quello principale, creano spesso congestione del traffico veicolare soprattutto nelle ore diurne quando è più forte l’affluenza agli ambulatori ed al laboratorio analisi.
Lo scopo della nuova collocazione è quello di individuare un’area ospedaliera ben definita, non promiscua, cercando di preservare la parte restante del parco dell’ospedale, già sensibilmente interessata dagli ampliamenti e soggetta a continue interferenze esterne.
La dislocazione attuale si sviluppa su di un unico piano, con accesso pedonale su Via Vicini, preceduto dall’ingresso della camera calda. Per facilitare le operazioni di chiamata, sovente le ambulanze stazionano sul fronte stradale, incrementando l’occupazione degli spazi che potrebbero essere meglio utilizzati per gli utenti dell’Ospedale.
Si è quindi cercato di raffrontare gli spazi attuali con quelli di progetto, al fine di verificare il perseguire di soluzioni migliorative sia dal punto funzionale che sotto l’aspetto degli spazi indicati nei requisiti prescritti dalle norme sull’accreditamento.

ALCUNI DATI DI ATTIVITA’

 

Anno 2011

BIANCO

VERDE

GIALLO

ROSSO

1.755

15.793

4.478

307

 

Anno  2012

gennaio

febbraio

marzo

aprile

maggio

giugno

luglio

agosto

BIANCO

123

100

171

175

150

146

173

164

VERDE

1210

1152

1239

1252

1689

1454

1606

1586

GIALLO

402

385

347

309

342

348

357

316

ROSSO

29

33

34

26

42

34

36

29

Totali per mese

1764

1670

1791

1762

2223

1982

2172

2095

Media/die

 

56,9

57,6

57,8

58,7

71,7

66,1

70,1

67,6

   
Complessivamente nel corso del 2011 sono stati registrati 22.333 accessi al Pronto Soccorso di Cento con una media/die di 61,2. Al 31 agosto 2012 risultano effettuati nell’anno in corso 15.459 accessi con una media/die di 64.


Azioni sul documento
Strumenti personali