Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2012 / Lunedì 28 e martedì 29 maggio 2012 porte aperte all'Hospice di Codigoro

Lunedì 28 e martedì 29 maggio 2012 porte aperte all'Hospice di Codigoro

archiviato sotto:
pubblicato il 25/05/2012 12:00, ultima modifica 25/05/2012 15:10
In occasione della XI Giornata Nazionale del Sollievo del 27 maggio 2012 l’Hospice “ Le Onde e il Mare” di Codigoro apre le sue porte a cittadini ed operatori sanitari del territorio, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della sofferenza,sulle cure palliative e terapie del dolore

Locandina giornata sollievo hospice 2012Che cos’è l’Hospice?
L’Hospice  è una struttura in cui vengono erogate le cure palliative ininterrottamente, che prende in carico il paziente e la sua famiglia, aiutandoli nei loro bisogni e favorendo, quando possibile, un rapido rientro nella propria casa.

Che cosa sono le cure palliative?
Le cure palliative si rivolgono ai  malati affetti da malattie inguaribili, ancora sensibili alla terapia, fornendo loro un adeguato trattamento di supporto per controllare  eventuali  disturbi causati anche dalla terapia specifica. Tali cure migliorano la qualità della vita dei malati e delle loro famiglie, attraverso la prevenzione e il sollievo della sofferenza.

Le iniziative

  • Lunedì 28 maggio “L’Ambulatorio di Cure Palliative”. L’ambulatorio di Cure Palliative dell’Hospice di Codigoro sarà aperto al pubblico e agli operatori sanitari. Medici e Infermieri dell’Hospice saranno disponibili per informazioni riguardanti l’attività svolta nell’ambulatorio.
  • Martedì 29 maggio Tavola Rotonda: ” Confronto fra diverse realtà organizzative in Hospice”. Quattro Hospice dell’Emilia Romagna si mettono a confronto in una Tavola Rotonda aperta agli operatori sanitari del territorio ferrarese. Parteciperanno gli Hospice: “Casa della Solidarietà” di Ferrara, “Le Onde e il Mare” di Codigoro, “Casa Madonna dell’Uliveto” di Reggio Emilia e “Hospice di Savignano sul Rubicone” di Cesena.

Tra i materiali realizzati dal Servizio sanitario regionale per la Giornata, il depliant “Valutiamo insieme il dolore”, che contiene il righello in cartone plastificato che riporta la scala numerica rivolta agli adulti (NRS, Numerican Rating Scale) e la scala pediatrica (FPS, Facies Pain Scale).
Questo strumento è a disposizione di medici e pediatri di famiglia e del personale sanitario impegnato in ospedale, in day hospital, in hospice e negli altri luoghi di cura. Il risultato della misurazione del dolore è registrato nella cartella clinica dell’ammalato, come ogni altro dato clinico di interesse.

I dati sul dolore percepito in Emilia-Romagna

(Fonte: Servizio sanitario regionale)

Meno persone provano dolore intenso tra i pazienti ricoverati negli ospedali dell'Emilia-Romagna. Una diminuzione costante, dal 2002 al 2011, scesa dal 24,2% al 15,9%, che si affianca a un aumento delle persone che dichiara di non provare dolore. Questo emerge dall'indagine della Regione Emilia-Romagna sul dolore percepito, effettuata lo scorso anno nel mese di maggio e presentata a Bologna durante il convegno regionale "La rete ospedale-territorio per la lotta al dolore" che si è tenuto mercoledì 23 maggio.
La quarta indagine regionale è stata realizzata negli ospedali, negli hospice e, per la prima volta, anche in assistenza domiciliare, con l'obiettivo di acquisire, dalla voce diretta delle persone assistite, elementi di conoscenza sul dolore percepito e sul bisogno di sollievo. Informazioni utili anche per fare il punto sui percorsi intrapresi nelle strutture sanitarie dell'Emilia-Romagna nell'ambito del progetto regionale "Ospedale-territorio senza dolore". All'indagine hanno aderito le Aziende sanitarie, l'Associazione italiana ospedalità privata (Aiop), le associazioni di volontariato.
Le informazioni sono state acquisite attraverso la distribuzione di un questionario “ la Scheda del sollievo”. Sono state raccolte 10.456 schede, provenienti da 101 strutture sanitarie pubbliche e private, e da persone assistite a domicilio. La partecipazione è aumentata dell'11,5% rispetto all'indagine precedente, effettuata nel 2009 (le schede raccolte erano state 9.370).
Per approfondimenti sui risultati dell’indagine, consultare il portale del Servizio sanitario regionale www.saluter.it

Azioni sul documento
archiviato sotto:
Guardia medica turistica

 

direttori

 
Strumenti personali