Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2012 / La Radiologia dell'Ospedale del Delta Martedì 2 e Martedì 16 Ottobre ore 10.10-10.40 in onda su RAI 3 EMILIA ROMAGNA

La Radiologia dell'Ospedale del Delta Martedì 2 e Martedì 16 Ottobre ore 10.10-10.40 in onda su RAI 3 EMILIA ROMAGNA

pubblicato il 28/09/2012 13:27, ultima modifica 28/09/2012 13:27
Un video autoprodotto dall’Ufficio Stampa e Comunicazione per i Programmi dell’Accesso RAI Emilia Romagna canale 123 Digitale Terrestre, presenta la Colonscopia Virtuale della Radiologia del Delta

Ferrara, Ottobre 2012.  La colonscopia virtuale è una tecnica radiologica non invasiva descritta per la prima volta nel 1994 che permette di visualizzare l’intero colon  con una TC Tomografia Computerizzata dell’addome dopo insufflazione d’aria nell’intestino.

La Radiologia dell’Ospedale del Delta di Lagosanto punto di riferimento nazionale della metodica da anni effettuata questo esame e ospita corsi nazionali  di TC per lo studio del Colon  con la Colonscopia Virtuale patrocinati da SIRM, Società Italiana di Radiologia Medica, quale punto di riferimento nazionale di periodici corsi di formazione per medici-radiologi in cui viene discussa una analisi ragionata di casi clinici .

I corsi sono curati dai medici della Radiologia dell’Ospedale del Delta: Roberto Rizzati, Stefano Tartari, Riccardo Righi, Anna Deledda e Maria Teresa Cannizzaro sotto la supervisione del Dott. Giorgio Benea Direttore della Radiologia dell’Ospedale del Delta, con la partecipazione del Prof Vittorio Alvisi Direttore della cattedra di Gastroenterologia dell’Università di Ferrara e dal dott. Gabriele Anania, chirurgo presso la Clinica Chirurgica dell’Azienda Ospedaliera ed Universitaria di Ferrara diretta dal prof Giorgio Cavallesco .

La disponibilità di una TC 256 strati, di software di ricostruzione d’ultimissima generazione, e l’esperienza del personale di radiologia nella diagnosi Gastroenterologica, permettono di realizzare questi esami all’Ospedale del Delta.

La metodica è di scelta, in alternativa al clisma a doppio contrasto, per pazienti con colonscopia incompleta, con tumore colico occlusivo, per pazienti anziani e per soggetti le cui condizioni non permettono una procedura invasiva come la colonscopia convenzionale, per quei soggetti che rifiutino la convenzionale come metodo di screening del carcinoma del colon retto.

Studi internazionali hanno confermato l’efficacia di questo metodo per la diagnosi dei polipi e delle neoplasie del colon.

La colonscopia virtuale non rappresenta un esame sostitutivo della colonscopia tradizionale, ma una tecnica integrativa a quest’ultima.

Rispetto alla colonscopia convenzionale, quella virtuale è più tollerata ed è meno invasiva, grazie alla possibilità di eseguire una preparazione all’esame molto più “leggera“ rispetto alla convenzionale.

Azioni sul documento
Strumenti personali