Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2012 / Densitometria ossea: a chi serve?

Densitometria ossea: a chi serve?

archiviato sotto:
pubblicato il 13/04/2012 10:27, ultima modifica 13/04/2012 10:29
I Comitati Consultivi Misti (CCM) dell’Azienda USL di Ferrara, hanno programmato per il 2012 un ciclo di iniziative di educazione e di promozione della salute su diversi argomenti di particolare interesse per la popolazione.

Conferenza Densitometria ossea - a cosa serveDopo aver realizzato un'informazione strutturata sull’uso e la corretta conservazione dei farmaci, oggi all’incontro con i giornalisti erano presenti Roberto Rabboni, Presidente CCM distretto Centro Nord, Nevio Finotelli, Presidente CCM distretto Ovest, Cesare Guzzon, Presidente CCM distretto Sud Est,  Luana Vecchi, Presidente del Coordinamento dei 3 CCM, Alberto Tinarelli, Direttore distretto Centro Nord, Elisabetta Catozzi, Referente Aziendale per il coordinamento dei CCM e Aldo De Togni, Direttore Piani per la Salute, dipartimento di Sanità Pubblica. E’ stato presentato l’opuscolo informativo che parla di Densitometria Ossea, argomento portato alla loro attenzione da diversi cittadini, da cui è nata la necessità di approfondire la questione anche con la stampa locale per rispondere alle tante domande che solitamente il cittadino pone sulla densitometria.

A fianco dell’iniziativa è stato studiato un piano di comunicazione che prevede oltre alla divulgazione del depliant anche la  realizzazione di una serie di incontri di informazione con i cittadini con la partecipazione di alcuni medici di medicina generale e di sanitari dell'Azienda USL.

Con la collaborazione del Volontariato della Provincia di Ferrara, saranno organizzati incontri pubblici in cui  medici di medicina generale ed epidemiologi affronteranno il tema informando correttamente sulla necessità, sull’efficacia e la possibilità di effettuare la Densitometria Ossea. Verrà inoltre distribuito il depliant informativo “Conosciamo la densitometria ossea: un esame utile a pochi”  che chiarisce alcuni punti fondamentali quali, a chi serve, a chi non serve, come prevenire l’osteoporosi.

Cos’è l’osteoporosi

E’ una condizione dello scheletro caratterizzata da una ridotta resistenza dell’osso che predispone la persona a un aumentato rischio di frattura.
La riduzione della massa ossea si verifica in entrambi i sessi ma è maggiore nella donna. Ogni intervento nel paziente con osteoporosi ha come obiettivo principale la prevenzione delle fratture.
La malattia si rileva attraverso un esame specifico "Mineralometria Ossea Computerizzata,  (MOC) o più comunemente nota come Densitometria Ossea".
Si tratta di un esame che secondo il legislatore (D.P.C.M. 29/11/2001) può essere erogato con costi a carico del Sistema Sanitario Nazionale solo in presenza delle condizioni per le quali vi sia evidenza di efficacia clinica, e cioè per le seguenti categorie di aventi diritto:

1.    donne e uomini con sospetta osteoporosi derivante da patologie quali: morbo di Cushing, celiachia, morbo di Crohn, insufficienza renale cronica, soggetti sottoposti a trapianti

2.    soggetti in terapia prolungata (> 6 mesi) con: corticosteroidi sistemici, antiepilettici, farmaci antiretrovirali, farmaci che inducono ipogonadismo

3.    donne con carenza estrogenica: amenorrea primaria non trattata, ovariectomia bilaterale, menopausa precoce < 45 anni

4.    donne in menopausa da 6 mesi con necessità di terapia ormonale sostitutiva o altro trattamento per l’osteoporosi di lunga durata che presentino nutrizione inadeguata, anoressia, scarso esercizio fisico o immobilità prolungata, abuso di fumo ed alcol

5.    soggetti con evidenza radiologica di osteoporosi o con storia pregressa di fratture ossee per osteoporosi

Solo per queste categorie di pazienti l'erogazione della prestazione avviene entro 60 giorni dalla prescrizione, mentre i controlli sono effettuabili, qualora necessari, trascorsi almeno due anni dall'ultimo esame.

Quadro normativo di riferimento

La legislazione italiana (DPCM 29/11/2001 ripresa dal DPM 05/03/2007) stabilisce che la Densitometria Ossea è parzialmente esclusa dai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Inoltre è stata oggetto di una circolare regionale (n.21 del 31/10/2001) in cui sono state chiarite le condizioni cliniche che giustificano la necessità di sottoporsi a questo esame, che comunque non riveste carattere d’urgenza.
E' necessario richiamare questi aspetti normativi in quanto la densitometria ossea è esclusa dai livelli essenziali di assistenza, ma può essere utile per affrontare alcune selezionate patologie che sono state descritte in precedenza. Proprio per questo, il medico prescrittore, oltre a dover compilare l'impegnativa, deve predisporre anche un apposito modulo in cui vanno dettagliati i motivi per i quali si richiede quel particolare tipo di esame.

Conferenza Densitometria ossea - a cosa serve 2Primi appuntamenti per gli incontri con i cittadini

  • Ferrara: 12 aprile, Associazione CUPLA Via Caldirolo, 84 ore 15-17;
  • Copparo: 19 aprile, Centro Sociale Anziani Parco Verde, Via G. Garibaldi, n.106  ore 15-17;
  • Portomaggiore: 23 maggio in occasione della fiera del Comune;
  • Codigoro: 12 settembre in occasione della fiera del Comune;
  • Cento: 6 settembre a Cento all’interno delle iniziative del Settembre Centese.
Azioni sul documento
archiviato sotto:
Strumenti personali