Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2012 / Condividere le esperienze per migliorare le risposte

Condividere le esperienze per migliorare le risposte

pubblicato il 29/08/2012 16:52, ultima modifica 29/08/2012 16:52
I medici delle province di Ferrara, Reggio Emilia, Bologna e Modena coinvolte dal recente sisma incontrano i medici dell’Aquila sabato 1 settembre al Campo di Santa Liberata di Cento

La manifestazione, dal titolo SISMA: CONDIVIDERE LE ESPERIENZE PER MIGLIORARE LE RISPOSTE, si terrà a Cento il 1 settembre 2012, nella tensostruttura adiacente il Palasport.

Hanno presentato oggi  in conferenza stampa l’evento Claudia Tassinari, Assessore alla Cultura del Comune di Cento e Mauro Manfredini, direttore del distretto Ovest per l’Azienda USL di Ferrara.

Scopo dell’evento è quello di mettere a confronto le esperienze derivanti dal sisma aquilano del 2009 e dal recente sisma emiliano, con l’obiettivo di elaborare strategie operative condivise,  accrescere il livello di comprensione dei fenomeni, al fine di migliorare l’efficacia della risposta complessiva sul territorio.

 La giornata nella prima parte sarà dedicata ad un convegno medico gratuito, aperto a medici di tutte le specializzazioni, inserito nel programma Nazionale di Educazione Continua in Medicina. Più di 100 ad oggi le iscrizioni pervenute di professionisti di diverse specialità.

Nel pomeriggio l’evento è aperto alla popolazione interessata, in particolare sono stati invitati all’incontro chi ancora si trova nei campi di accoglienza. Come ricordato dall’Assessore Tassinari, sono ancora più di 150 le  persone che non hanno ancora potuto rientrare nelle loro case e che si trovano in condizioni di disagio psicofisico.  Infatti, anche le condizioni più normali della vita quotidiana, per chi ha dovuto allontanarsi dalla propria casa sono radicalmente cambiate. Il come e dove alimentarsi: non poter decidere in autonomia cosa  e come mangiare, la mancanza di privacy che solitamente in una casa si può avere, la mancanza dei riferimenti soliti, così come il doversi fidare anche di persone che non si conoscono, a lungo termine possono portare a stress importanti.

Il confronto fra i medici dell’Aquila e i professionisti emiliani, non più limitato puramente alle forme di volontariato, ma bensì con un confronto strutturato e avvallato anche dal Ministero della Salute, da cui si sono ottenuti i crediti formativi, vuole proprio dare a questi professionisti, gli strumenti conoscitivi per la gestione dei bisogni della popolazione colpita dal sisma,  come evidenziato da Mauro Manfredini.

Hanno garantito, inoltre il loro supporto alla manifestazione l’AMFE, Ass.ne Medici di Famiglia Volontari per le Emergenze, Onlus, nonché gli Ordini dei Medici di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia.

Per la provincia di Ferrara sarà presente il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Bruno di Lascio e il Presidente dell’OMCeO dell’Aquila, Maurizio Ortu, che modereranno i lavori. Per l’Associazione scientifica A.L.B.A. dell’Aquila ( Associazione per il Lifestyle, il Benessere e l’Alimentazione), saranno presenti il Presidente Francesco Fagnani e i membri del Direttivo Giuseppe D’Ascenzo e Nicoletta Proietti.

Interverranno anche Paolo Evangelista, Medico per AMFE operativo nelle tendopoli emiliane, e Massimo Casacchia, Direttore Servizio Psichiatrico Universitario Diagnosi e Cura dell’Università di L’Aquila, autore di un pregevole studio sui disturbi da stress post traumatico. Notevolissima la partecipazione anche dall’Emilia Romagna, dove gli Ordini dei Medici invieranno propri referenti che si sono distinti per l’opera sul territorio: Luigi Bagnoli per l’OMCeO di Bologna, Nunzio Borelli e Carlo Curatola per l’OMCeO di Modena, Maria Brini per l’OMCeO di Reggio Emilia. Presenti inoltre Mario Ferioli, per l’esperienza a Finale Emilia e Mauro Manfredini, per la zona di Cento. Grande supporto locale è stato svolto dall’Assessore Claudia Tassinari, del Comune di Cento.

Tutti, Relatori e Staff,  interverranno a titolo gratuito.

Il Comune di Cento ha già patrocinato l’iniziativa, seguito dalla Regione Emilia Romagna e dal Comune dell’Aquila.                                             

Azioni sul documento
Strumenti personali