Tu sei qui: Home / Home Page / News / 3 casi di Sars-Cov-2 in strutture Socio Sanitarie della provincia di Ferrara

3 casi di Sars-Cov-2 in strutture Socio Sanitarie della provincia di Ferrara

archiviato sotto: ,
pubblicato il 19/10/2020 16:54, ultima modifica 19/10/2020 16:54
Oggi, 19 ottobre, sono stati registrati dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda USL di Ferrara tre nuovi casi di ospiti di Casa Residenza per Anziani - CRA (asintomatici o con sintomi lievi), ma nessun nuovo operatore. I tre anziani sono ospiti della CRA RTI Ripagrande di Ferrara.

Si conferma che i casi attivi sono concentrati principalmente nelle strutture ferraresi già in isolamento per le quali è in programma entro la settimana la rivalutazione dei tamponi di operatori ed ospiti, nell’ambito dell’attività di monitoraggio dei focolai attivi.

Purtroppo, però, tra gli ospiti anziani ospedalizzati vanno segnalati i primi due decessi di questa seconda ondata epidemica: uno proveniente dalla casa di riposo Pensionato Cavalieri di Cento, l’altro dal complesso S. Chiara di Ferrara.

Negli ultimi giorni si è osservata una riduzione dei nuovi casi segnalati dalle strutture e alla stabilità della maggior parte delle persone isolate in CRA /CSRR e monitorate.

Nelle ultime due giornate non è stato disposto nessun nuovo provvedimento di quarantena per le strutture ferraresi.

La CRA Eppi di Portomaggiore ha completato il primo intervento di screening, confermandosi – ad oggi - “covid-free”.

Anche nella Casa di Riposo “pensionato Cavalieri di Cento” si conferma la negatività dei monitoraggi eseguiti e l’assenza di casi clinici in esordio.

Pur in assenza di casi positivi, per entrambe le struttura viene mantenuto il provvedimento di quarantena, a scopo cautelativo.

Per alcuni ospiti delle strutture della città si è reso necessario l’invio in PS per valutazione diagnostica o per ricovero ospedaliero, dovuto al peggioramento del quadro clinico.

Al momento non vengono segnalati casi critici che richiedano il trattamento in reparti a maggiore intensività di cura.

I MMG, i medici di struttura e i medici delle USCA proseguono l’attività di valutazione e di supervisione dei casi attivi nelle strutture.

Azioni sul documento
archiviato sotto: ,
Strumenti personali