Tu sei qui: Home / L'Azienda / Dipartimenti / Dipartimento Sanità Pubblica / Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione / MODALITA' DI RIFINANZIAMENTO DEI CONTROLLI UFFICIALI SANITARI

MODALITA' DI RIFINANZIAMENTO DEI CONTROLLI UFFICIALI SANITARI

pubblicato il 24/07/2013 12:00, ultima modifica 02/10/2019 10:27

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 289 del 11 dicembre 2008 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 19 novembre 2008, n. 194  “Disciplina delle modalità di rifinanziamento dei controlli sanitari ufficiali in attuazione del regolamento (CE) n. 882/2004”. Il decreto stabilisce le modalità di finanziamento dei controlli sanitari ufficiali eseguiti dalle autorità competenti per la verifica della conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali. Per il finanziamento dei controlli si applicano le tariffe previste negli allegati al decreto. Ulteriori chiarimenti sono contenuti nella nota del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali prot.0011000 del 17/4/09 diramata ai fini di un’uniforme applicazione del Dlgs 194/2008 su scala nazionale. Il pagamento è a carico degli operatori dei settori interessati dai controlli. Per ogni ulteriore chiarimento cliccare qui.

Testo del Decreto Legislativo 19 novembre 2008, n. 194

Linee guida provvisorie per l'attuazione del Decreto Legislativo n.194/08 (superate, per le parti in contrasto) dalle "Indicazioni applicative del D.L.vo 194/2008" nota del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali prot.0011000 del 17/4/09 trasmessa dalla Regione Emilia Romagna con lettera 449 del 21/04/2009 e "Linee Guida applicazione D.lgs 194/2008 - 31 Luglio 2009 trasmesse con lettera 888 del 31/07/2009".

Con D.G.R. n.152/2010 "Sospensione dei termini di pagamento delle tariffe di cui al D.L.vo 194/2008 da parte dei trasformatori di prodotti nell'azienda di produzione. Provvedimento" la Giunta Regionale ha disposto la sospensione temporanea della riscossione delle tariffe previste dal citato decreto per gli imprenditori agricoli, così come definiti dall'art.1 del D.L.vo 18.5.2001, n.228, che trasformano i propri prodotti mediante l'utilizzazione di attrezzature o risorse dell'impresa impiegate nell'attività agricola. La Giunta ha inoltre previsto che tale sospensione venga assunta in via provvisoria e temporanea a decorrere  dall'adozione del provvedimento sino al 30 aprile 2010, termine entro il quale si attende un definitivo pronunciamento ministeriale circa il campo di applicazione del Decreto. La deliberazione non pregiudica il successivo versamento del tributo in caso di parere ministeriale che indichi l'obbligatorietà della corresponsione delle tariffe da parte delle imprese agricole interessate. Quanto sopra è riportato nella lettera n.126 del 9/2/2010 PG./2010/33303 a firma del Responsabile del Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti della regione Emilia Romagna.

 

SICUREZZA ALIMENTARE: 31 gennaio  termine ultimo per il pagamento della tariffa annuale dei controlli sanitari ufficiali

 

  

Azioni sul documento
Strumenti personali