Tu sei qui: Home / L'Azienda / Dipartimenti / Dipartimento Sanità Pubblica / Piani per la salute / Eventi / 2007 / Campagna "Le sfumature del fumo"

Campagna "Le sfumature del fumo"

pubblicato il 05/02/2008 14:49, ultima modifica 30/03/2010 16:29

La campagna realizzata dai Piani per la Promozione della Salute dell'Azienda USL per la disassuefazione da fumo di tabacco rivolta alla popolazione adulta della provincia di Ferrara

    L’Azienda USL, attraverso l’Unità Operativa Piani per la Promozione della Salute,  ha realizzato una campagna, intitolata “LeLe sfumature del fumo. Manifesto blu sfumature del Fumo”, per la disassuefazione da fumo di tabacco rivolta alla popolazione adulta della provincia di Ferrara. La campagna, finanziata dalla regione Emilia Romagna ed ideata dal sociologo Marcello Darbo con la supervisione della responsabile del servizio Maria Caterina Sateriale, ha un duplice obiettivo:

• suggerire motivazioni per smettere di fumare alla popolazione tabagista adulta, 
• promuovere la conoscenza e l’accesso ai 5 centri antifumo della provincia.

    Il problema dei danni derivanti dall'uso di tabacco rimane una delle priorità su cui intervenire, al fine di migliorare lo stato di salute della popolazione della nostra provincia. É nata perciò l’esigenza di pensare un progetto di comunicazione sociale sul tema. La campagna si articola in tre interventi ripetuti nel medio periodo, consistenti nella uscita di manifesti rivolti rispettivamente agli uomini adulti -ottobre 2007-, alle donne e ai genitori –in momenti successivi-.

Le sfumature del fumo. Manifesto rosso    I messaggi non contengono divieti, ordini o istruzioni, né sono incentrati prevalentemente sul pericolo, cosa che può provocare il rigetto del messaggio. Le persone tendono infatti ad opporsi ai cambiamenti. Per avere la loro partecipazione ed il loro supporto per cambiare, si deve interagire con loro per inserirsi nel loro modo di pensare, invece di provare a rivoltarlo: a nessuno piace subire imposizioni, del resto i messaggi incentrati sul rischio sono già stampati sui pacchetti delle sigarette. Queste considerazioni hanno spinto i realizzatori della campagna ad un approccio basato sulla suggestione piuttosto che sulla razionalità. Si è lavorato sulla sfera della sessualità per gli uomini, sull’estetica per le donne e sull’affettività (piacere di stare con i figli) per i genitori.

    Le immagini utilizzate hanno caratteristiche grafiche omogenee affinché, da parte del pubblico, ci sia la percezione di una appartenenza ad un’unica campagna, anche se svolta in momenti lontani nel tempo. Le sfumature del fumo. Manifesto giallo

    L’azione comunicativa avrà una copertura provinciale e saranno utilizzati manifesti 70x100 di colori diversi: blu per gli uomini, rosso per le donne e giallo per i genitori.

    A Ferrara si prevede l’utilizzo di maximanifesti formato 6 x 3 metri, nei luoghi più visibili della città.

    Le immagini saranno inoltre pubblicate sui giornali locali in concomitanza con l’uscita dei manifesti e diffuse attraverso l’emittente televisiva Telestense.

I messaggi saranno, infine, veicolati attraverso i servizi che hanno sviluppato progetti innovativi per la disassuefazione dal fumo di tabacco nel biennio 2007-2008.

I centri Antifumo dell’Azienda USL

Ferrara, via Mortara, 14, tel. 0532 – 235070;
Copparo, Via Roma, 18, tel. 0532 – 879944;
Cento Via XXV Aprile, 1/C, tel. 051 - 903314;
Portomaggiore, Via De Amicis, 22, tel. 0532 – 817551;
Codigoro, Via Cavallotti, 347, tel. 0533 – 729737.  

Azioni sul documento
Strumenti personali