Tu sei qui: Home / Home Page / News / Umanizzazione delle cure e personalizzazione dell’assistenza

Umanizzazione delle cure e personalizzazione dell’assistenza

pubblicato il 03/12/2019 14:49, ultima modifica 03/12/2019 14:49
Si è svolto nella mattinata di venerdì 29 novembre all’Ospedale del Delta il secondo convegno organizzato dal Comitato Consultivo Misto e dalla Direzione del Distretto Sud Est dell’Azienda USL di Ferrara per porre l'attenzione alle esperienze di processi di cura in cui si pone al centro la persona con i propri sentimenti, conoscenze e credenze rispetto al proprio stato di salute

L’incontro ha dato seguito agli spunti emersi nel primo convegno organizzato a maggio ad Argenta: una sorta di filo rosso che segue e delinea le tematiche di maggior rilievo nel distretto cercando di fornire spunti di riflessione ed elementi di analisi attraverso indagini sui servizi offerti, svolte dalla Regione Emilia Romagna e, a livello locale, dagli stessi professionisti coinvolti nei processi di assistenza.

L’apertura del convegno, affidata all’Amministrazione Comunale di Lagosanto  ( l'Assessore Patrizia Orlandini ha portato i saluti del Sindaco), al Direttore Generale dell’Azienda USL di Ferrara dr. Vagnini, al Presidente dei Comitati Consultivi Misti regionale dr.Perini e al Presidente CCM SudEst Guzzon, ha  sottolineato l’importanza di mantenere alta l’attenzione ai bisogni dei cittadini più fragili,con particolare riferimento all’accoglienza e all’accessibilità delle cure. Il direttore generale ha insistito inoltre sulla funzione di ascolto da porre costantemente in atto come singoli e come organizzazioni. Dall’analisi dei questionari della Regione che hanno indagato la percezione dei cittadini sulle strutture socio-sanitarie, in particolare le Case della Salute del territorio ferrarese, e presentati dalla dott.ssa Sturlese, è emersa comunque un’ampia soddisfazione per la qualità dei servizi offerti.

Tra le indagini in corso da parte dell’Azienda USL di Ferrara  è stata illustrata dalla Responsabile URP dott.ssa Castellari quella relativa al percorso nascita, che vede coinvolte centinaia di neo mamme che afferiscono ai servizi loro dedicati nel distretto sud est. I dati saranno presentati nel prossimo convegno, previsto per il 2020.
Tra le esperienze illustrate sono state particolarmente apprezzate le descrizioni del giardino terapeutico in via di realizzazione all’Hospice di Codigoro illustrata da Riccardo Terroni Presidente Lyons di Codigoro  e del giardino bioenergetico realizzato alla casa di Riposo Carlo Eppi di Portomaggiore e presentato da Armanda Pambianchi del Comitato Parenti. In entrambe si è evidenziato lo stretto rapporto fra cura e bellezza dell'ambiente delle strutture di cura e di assistenza.
Esperienze queste candidate a divenire "buone prassi" da iscrivere nel catalogo regionale.

Sono poi stati narrati da operatori dell'Ausl ( dr. Arcudi, Carli, dr. Cistori, Mazzoli)  i percorsi dedicati alle disabilità e alla prevenzione delle patologie croniche, anche grazie a iniziative che coinvolgono sempre più ampie fasce di cittadini, come le camminate della salute o percorsi facilitati per una rapida e costante presa in carico delle disabilità.

Coinvolgenti e particolarmente interessanti infine, sono state le descrizioni di progetti che promuovono l'autonomia di cittadini disabili come il progetto di appartamenti per la vita indipendente che coinvolge più soggetti pubblici e privati (dott.ssa Luongo e dott.ssa Petrucciani dell'ASP) o le esperienze di vita vissuta di alcuni cittadini e familiari che ogni giorno affrontano le difficoltà determinate da condizioni di disabilità ( S.Punginelli e A.Villani): degno di nota il loro impegno nell’offrire a cittadini che condividono le loro stesse situazioni, supporto e consulenza per affrontare al meglio le piccole/grandi sfide quotidiane.
Infine ma non da ultimo la dott.ssa Bacchi, ha concluso convegno comunicando che, in attesa del prossimo evento previsto per il primo semestre 2020, si procederà con l'individuazione e segnalazione di ogni buona prassi che possa essere riproducibile in altri contesti, per diffondere e divulgare le esperienze che hanno dato buoni risultati.

Azioni sul documento
Strumenti personali