Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2014 / Visita guidata alla Casa della Salute "Cittadella S. Rocco"

Visita guidata alla Casa della Salute "Cittadella S. Rocco"

pubblicato il 11/11/2014 16:45, ultima modifica 13/11/2014 14:58
Nuovi servizi per i cittadini attivati nella Casa della Salute di Ferrara

Si è svolta lunedì 10 novembre la presentazione della Casa della Salute “Cittadella San Rocco” di Ferrara, situata nella struttura dell’ex “Arcispedale S. Anna” di Ferrara in Corso Giovecca.
Il Direttore del Dipartimento Cure Primarie, Chiara Benvenuti, il Direttore del Distretto Centro Nord, Sandro Guerra alla presenza dell’Assessore alla Sanità, Servizi alla Persona e Politiche Familiari del Comune di Ferrara, Chiara Sapigni hanno formalizzato l’attivazione per  la città di Ferrara della Casa della Salute che si chiamerà “Cittadella San Rocco”. “Con il termine Cittadella - come ha evidenziato l’Assessore Sapigni - si può già capire che Ferrara ospiterà una delle più grandi Case della Salute che saranno realizzate in regione. Una Cittadella pensata per rispondere alle esigenze di tutta la popolazione, ma in particolare rivolta alle persone più fragili offrendo diversi servizi sociosanitari e assistenziali”.
L’incontro ha dato l’opportunità di accompagnare i giornalisti e il presidente dei Comitati Consultivi Misti dell’Azienda USL nei nuovi locali che ospitano gli ultimi servizi sanitari trasferiti nel corso di questi ultimi mesi. Per l’occasione è stato presentato il nuovo Punto Informativo aperto proprio lunedì 10 novembre vicino all’entrata di via Rampari di San Rocco che va ad aggiungersi a quello già attivato all’entrata principale che si trova su Corso Giovecca.
“La Casa della Salute si avvia pertanto a diventare la sede di accesso ed erogazione di molteplici servizi e proprio per la diversità dei servizi che presto ospiterà si è riscontrata la necessità di avere due ingressi: uno su Corso Giovecca e uno su via Rampari nei quali prevedere due Punti Informativi proprio per fornire informazioni e accoglienza alle persone che si presentano, così come è stato previsto l’Ufficio Relazioni con il Pubblico collocato vicino all’entrata  principale di Corso Giovecca” come ha chiarito Chiara Benvenuti, direttore del dipartimento Cure Primarie. 
Sempre presso l’entrata principale si è deciso, di attivare anche un punto di prenotazione che provvisoriamente anticipa lo spostamento del CUP, che insieme allo Sportello Unico e  al punto prelievi, verrà trasferito da via Cassoli non prima di febbraio-marzo 2015.
La visita  guidata ha permesso ai partecipanti di visitare anche i servizi che si sono trasferiti nel corso di questa estate. L’Assistenza domiciliare Integrata (ADI), i servizi per la distribuzione dei presidi, l’ambulatorio infermieristico per le stomie e i servizi di valutazione Geriatrica. Ultimi arrivati all’interno della Casa della Salute che grazie alle operazioni di restauro e agli accorgimenti dei professionisti, si presentano con una nuova veste. Pareti e porte infatti dipinti con colori e immagini che animano i diversi ambienti rallegrando l’atmosfera dei servizi.
La visita è poi continuata lungo l’anello arrivando al servizio di radiologia e senologia che proprio da settembre è stato potenziato nella strumentazione per riuscire ad effettuare esami radiologi ancor più particolareggiati. Un aspetto particolare, sottolineato nel corso della vista è stata proprio l’offerta radiologica erogata da fine settembre a fine ottobre: 771 le prestazioni erogate dal servizio di radiologia attivato all’anello, per 490 pazienti presi in carico.
Per gli interventi di ristrutturazione e attivazione dei servizi fino ad oggi eseguiti all’interno della Casa della Salute si sono spesi circa 400 mila Euro. “Un costo tutto sommato contenuto, grazie ai lavori eseguiti in economia - come ha precisato il direttore del dipartimento tecnico interaziendale, Gerardo Bellettato - ma il costo della ristrutturazione complessiva che comprende interventi importanti anche ai piani superiori della struttura sarà di circa 40 milioni di Euro.
Dal 2015
in programma vi sono i lavori di ristrutturazione che interesseranno il corridoio principale dell’anello che verrà messo in sicurezza e il costo ammonterà a circa 2 milioni di Euro.
La logistica di riorganizzazione è sicuramente complessa e articolata e di certo non priva di costi ma che ad oggi sta seguendo un piano di realizzazione ben organizzato che man mano vedrà coinvolti i diversi fabbricati e i piani superiori della struttura, nei quali sono già ospitati diversi servizi dell’Azienda Usl e dell’Azienda Ospedaliero Universitaria, come il servizio di diabetologia e il servizio per i disturbi del comportamento alimentare, così come il centro screening.
“La collaborazione tra Azienda Usl e Azienda Ospedaliero Universitaria è fondamentale e anche la sinergia dei servizi di assistenza messi in campo stanno dando buoni risultati, diversi infatti sono gli ambulatori di specialistica disponibili per i cittadini all’interno della Casa della Salute”,
come evidenziato dal direttore del Distretto. Come risulta elemento centrale nella riorganizzazione  dei servizi per la Cittadella S. Rocco il Punto di Accoglienza (PDA) di recente attivazione, a gestione esclusivamente infermieristica, che diventa in questo caso uno snodo centrale nella rete organizzativa dell’attività specialistica. Infatti per problemi specifici il medico di medicina generale e lo specialista possono condividere e organizzare percorsi facilitati e personalizzati di prestazioni ambulatoriali, offrendo un presa in carico dei pazienti, garantendo completamenti diagnostici e concretizzando allo stesso tempo una maggiore velocità di risposta nella diagnosi e nella cura. Una presa in carico che il PDA ha assunto già a pieno ritmo e che i dati di una giornata campione attestano con chiarezza: 135 persone prese in carico durante una mattina e 150 durante il pomeriggio.

La Casa della Salute “Cittadella S. Rocco”, quindi vista come presidio che afferisce al distretto, ma la cui gestione è affidata al Dipartimento Cure primarie che ne coordina le attività erogate  e ne cura le interfacce con gli altri dipartimenti. Una sede di accesso e di erogazione di servizi sanitari, sociosanitari e socio assistenziali, rivolti ai cittadini dell’ambito territoriale.
Gli aspetti principali della Casa della Salute “Cittadella San Rocco”, sono quindi l’accoglienza e l’orientamento alle varie tipologie di servizi che vanno dal completamento dei percorsi diagnostici che non necessitano di ricovero in ospedale alla gestione di patologie croniche attraverso l’integrazione dell’assistenza primaria con i servizi specialistici presenti all’interno della struttura, nonché interventi di promozione e prevenzione della salute.
A conclusione dei lavori Ferrara avrà, quindi, una struttura in cui sono concentrati tutti i servizi che compongono l’offerta sanitaria e socio-sanitaria.

I servizi attivi all’interno della Casa della Salute  "Cittadella S. Rocco"

  • Punto informativo
    Ingresso 1 Corso Giovecca, 203
    Ingresso 2 Rampari  di San Rocco,15
  • Punto di prenotazione
    Ingresso 1 Atrio Corso Giovecca,203
  • Medicina di Gruppo Giardino Settore D
  • Poliambulatorio    Settore 1
    Punto di Accoglienza PDA
    Ambulatorio infermieristico
  • Medicina di Gruppo Sant’Anna Settore 2
  • Assistenza Domiciliare Settore 5
  • Distribuzione Presidi Settore 5
    Ambulatorio Infermieristico
    Stomie
  • U.O. Assistenza Anziani Settore 5
  • Diabetologia (CAD) settore 4
  • Disturbi del Comportamento Settore 4
    Alimentare
  • Dialisi (CAL) Settore 6
  • Organizzazione Oncologica Settore 8
    Informazioni Screening
    Mammografico
  • Informazioni Screening
    Collo Utero e Colon Retto
  • Registro Tumori AVEC
  • Radiologia Settore 9
    Screening Senologia
    Ecografie
    Rx Ossa e Torace
  • Fisiopatologia della Coagulazione ex Cliniche nuove
  • Centro Asma


 

Azioni sul documento
Strumenti personali