Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2014 / Presidio Socio Sanitario "Borselli" di Bondeno: il piano di riorganizzazione dei servizi Socio-Sanitari

Presidio Socio Sanitario "Borselli" di Bondeno: il piano di riorganizzazione dei servizi Socio-Sanitari

archiviato sotto:
pubblicato il 15/04/2014 14:30, ultima modifica 15/04/2014 14:32
presentati dal direttore del Distretto Ovest dell'Azienda USL di Ferrara, gli interventi realizzati e quelli già in programma per la fase conclusiva

E’ stato presentato lunedì 14 aprile il piano di riorganizzazione dei servizi socio sanitari che interessano la struttura “Borselli” di Bondeno. Il Direttore del Distretto Ovest dell’Azienda USL di Ferrara, Mauro Manfredini, per l’occasione ha infatti illustrato i diversi interventi che sono già stati realizzati nella cosiddetta fase intermedia ma anche quanto è già in programma per la fase conclusiva  che vedrà il Borselli completamente ristrutturato ma anche rinnovato per le funzioni e attività socio sanitarie che in quella sede si potranno garantire alla popolazione locale.

“Bondeno torna quindi baricentrica nell’alto ferrarese  - come ha evidenziato il Sindaco Alan Fabbri presente alla conferenza stampa – concentrando tutte le specialità sociosanitarie nella villa storica del Borselli e con 30 posti letto in più al termine dei lavori”.

“Importanti gli impegni, ma anche gli investimenti che l’Azienda USL sta mettendo in campo per il territorio di Bondeno per migliorare e riportare nella struttura di Bondeno i  tanti servizi socio sanitari che a causa del sisma erano stati spostati. Un impegno che per i cittadini sarà già visibile con le 18 specialità ambulatoriali che dal 14 aprile 2014 potranno trovare all’interno del Presidio e che permetterà di evitare il pendolarismo finora sopportato dai cittadini”. E’ quanto ha ricordato il direttore del Distretto Ovest, Mauro Manfredini durante la presentazione degli interventi svolti. Le 18 specialità che saranno progressivamente disponibili possono essere erogate negli ambulatori presenti al piano terra e al primo piano della struttura che sono stati completamente ristrutturati e organizzati in un unico blocco per migliorare l’accesso e il comfort dell’utenza stessa. Le specialità che saranno erogate sono: cardiologia, otorinolaringoiatra, geriatria, ginecologia con esecuzione di ecografie, odontoiatria, vaccinazioni pediatriche, ambulatorio infermieristico di Cure primarie, riabilitazione infantile, ambulatorio diabetologico, medicina dello sport, chirurgia, urologia, ortopedia, endocrinologia, dermatologia, oculistica, consultorio familiare – salute donna, disturbi cognitivi. Rimane ancora da riportare all’interno della struttura il CUP il cui trasferimento sarà fatto entro la fine del 2014 e attualmente si trova nel centro cittadino di Bondeno.

L’incontro è stato l’occasione per visitare, oltre gli ambulatori di specialistica anche la nuova sede della Medicina di Gruppo “Bondeno” che dal 7 aprile u. s. è stata trasferita nella nella Casina Steeb. La palazzina,  completamente ristrutturata  con ambienti molto confortevoli e spaziosi, ora ospita i 4 medici di famiglia Annalisa Camerani, Alberto Grossi, Paolo Ferron e Pier Paolo Mazzucchelli, e i 2 Pediatri di Libera Scelta Maria Luisa Ferrari e Roberto Pecorari. Con il trasferimento della Medicina di Gruppo nei locali ristrutturati di Casa Steeb, si potrà, inoltre, facilitare anche l’accesso dell’utenza grazie alla maggiore disponibilità di spazio in prossimità della struttura che permetterà a breve, la realizzazione di ulteriori parcheggi da riservare anche a persone portatrici di handicap e alle mamme.

L’incontro è stato infine l’occasione per presentare attraverso la visione di 4 planimetrie  gli interventi che rientrano nella cosiddetta “fase conclusiva” e cioè la costruzione della Casa della Salute e l’Ospedale di Comunità.  

La Casa della Salute sarà una nuova struttura costituita da tre piani che si svilupperanno dall’ala est  verso il corpo centrale di Villa Dazio, includendone parte del piano terra e del primo piano. Nella nuova Casa della salute verranno realizzati tutti i servizi previsti dalla delibera regionale specificatamente per la tipologia “grande”. (vedi scheda)

 DIMENSIONAMENTO PARAMETRICO CASA DELLA SALUTE DI BONDENO

Area Pubblica

  • Accoglienza - Accettazione e PDA

 

Area Clinica

  • Assistenza Primaria: pediatria di gruppo, medicina di gruppo, ambulatorio infermieristico, ambulatorio NCP e Osservazione, Ambulatorio guardia medica
  • Servizi Sanitari: Centro prelievi, odontoiatria, centro antidiabetico e dietista, ambulatori specialistici, ecografia più diagnosi radiologica, neuropsichiatria infantile
  • Servizi Socio-Sanitari: ADI - corordinamento Assisntenza domciliare, salute Anziani
  • Prevenzione: salute infanzia - vaccinazioni - igiene Pubblica, salute donna - spazio giovani

 

Area di Staff

  • CUP; distribuzione ausli protesici -farmaci; studio medico di organizzazione; studio Coordinatore; sala riunioni; locali di supporto

 

L’Ospedale di Comunità Si svilupperà nel corpo centrale del presidio Socio Sanitario ricomprendendo parte del primo piano per realizzare 15 posti letto destinati a pazienti prevalentemente anziani con instabilità clinica provenienti dal domicilio e/o da strutture ospedaliere. L’assistenza sarà di tipo infermieristico con responsabilità medica garantita da medici di medicina generale e/o dai medici della Casa della salute contigua alla struttura . 

Al secondo piano verrà realizzato un nucleo di 10 posti letto  a carattere assistenziale socio-sanitario per pazienti con gravi cerebrolesioni e infine , sempre al secondo piano, verrà ampliata di ulteriori  5 posti letto l’attuale ricettività del Centro Residenziale per Anziani. Per un totale di 30 posti letto in più rispetto all’attuale disponibilità.

I lavori per la ricostruzione della struttura socio sanitaria avranno inzio nel 2015 e l'ammontare compessivo delle spese sarà di circa 11 milioni e mezzo di euro, di cui oltre 7 milioni verranno dalle risorse commissariali e 1.6 da finanziamenti statali – art. 20 della legge 67/88 sull’edilizia sanitaria e sociosanitaria, mentre il resto sarà a carico dell’azienda USL attraverso i fondi assicurativi.

Azioni sul documento
archiviato sotto:
Strumenti personali