Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2014 / Organizzazione assistenziale provinciale in ambito neonatale pediatrico

Organizzazione assistenziale provinciale in ambito neonatale pediatrico

pubblicato il 01/02/2014 10:41, ultima modifica 01/02/2014 10:41
presentata in conferenza stampa la riorganizzazione su base territoriale del percorso nascite

 L’organizzazione di una rete assistenziale provinciale in ambito neonatale e pediatrico che possa assistere gli oltre 2500 bambini che mediamente nascono nella provincia di Ferrara; mobilità dei professionisti che possono ampliare le loro conoscenze e scambiare buone pratiche; mantenimento dei servizi per le madri e i neonati anche nei punti nascita del Delta di Lagosanto e di Cento. Questi i temi principali trattati stamane presso l’Azienda Ospedaliero – Universitaria S. Anna di Ferrara a Cona, in una conferenza stampa congiunta fra S. Anna e Azienda Usl di Ferrara per illustrare la riorganizzazione - su base territoriale - del “percorso nascite”.

Erano presenti i Direttori Generali e Sanitari delle due Aziende (Gabriele Rinaldi - S. Anna, Paolo Saltari - Usl, Andrea Gardini - S. Anna, Mauro Marabini - Usl). Presente anche Andrea Franchella, Direttore del Dipartimento di Riproduzione e Accrescimento dell’Azienda S. Anna e Gianpaolo Garani, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale (TIN) della stessa Azienda. Per l’Azienda Usl ha partecipato Fabrizio Corazza, Direttore del Dipartimento Materno Infantile dell’Azienda Usl.

E’ stato Rinaldi ad illustrare per primo il percorso fatto per ottenere un piano strategico di organizzazione territoriale che sia disegnato sulle reti cliniche e quindi basato sulla salute del paziente, sulla sua sicurezza, sulla qualità e sull’efficienza senza dimenticare l’aspetto della sostenibilità. Lo scopo è quello di creare una rete tra le due Aziende presenti sul territorio e proprio in quest’ottica si inserisce la “rete pediatrica” e il “percorso nascite”. In questa visione globale è stata creata una Unità Operativa Complessa Interaziendale nella quale convergono la Pediatria - gestita dall’Ausl di Ferrara - e la Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale che ha sede all’interno del nosocomio a Cona.

Responsabile di questa struttura è Garani che attualmente sta lavorando ad un piano per rendere operativa e sempre più efficiente questa riorganizzazione anche all’Ospedale del Delta. In questo senso si muovono anche le imminenti assunzioni di medici che potranno contribuire ad offrire un servizio sempre efficiente alle madri in gravidanza e ai bambini già nati. Medici assunti per garantire la loro presenza h24 al Delta e collaborare insieme.

Saltari, di seguito, indica che proprio su questo punto non si parlerà più di sede di lavoro in riferimento alle attività di un medico perché quest’ultimo avrà un raggio di azione territoriale e potrà spostarsi nelle diverse strutture – Cona, il Delta e Cento - a seconda delle necessità.

Marabini ci tiene a specificare che questa rete favorirà anche l’utilizzo della Terapia Intensiva Neonatale presente ora al S. Anna che offre un servizio d’eccellenza ed è unica sul territorio ferrarese. Con quarant’anni di esperienza è una delle otto Terapie Intensive Neonatali di livello 3 – e quindi che può garantire un’assistenza diversificata - della Regione Emilia Romagna. Anche Franchella ha espresso apprezzamento per questa riorganizzazione, che ha come base di fondamento un discorso di qualità professionale assistenziale. La Chirurgia Pediatrica del S. Anna, infatti, si inserisce (assieme alla TIN) in un contesto di rilevanza nazionale.

“Seppure le esigenze locali – mette in rilievo Gardini - rivestano una grande importanza, di cui si è tenuto assolutamente conto in questa riorganizzazione, il piano complessivo va oltre i confini dei singoli comuni ed offre un sistema completo di servizi rivolti specificatamente al “percorso nascita” generalmente inteso”.

 

Azioni sul documento
Strumenti personali