Tu sei qui: Home / Home Page / News / Archivio News / 2014 / Nuovo defibrillatore per la Casa della Salute di Bondeno

Nuovo defibrillatore per la Casa della Salute di Bondeno

pubblicato il 18/11/2014 15:14, ultima modifica 18/11/2014 15:14
Il defibrillatore donato dall’Associazione Arma Aeronautica di Bondeno in memoria di Rinaldo Balanzoni sarà collocato nell’area che ospita gli ambulatori specialistici

Presentato sabato 15 novembre 2014 a Bondeno, il nuovo defibrillatore donato dalla famiglia Balanzoni Rinaldo e dall'Associazione Arma Aeronautica - Nucleo di Bondeno. Lo strumento, del valore di oltre 700 euro, è stato acquistato a seguito della raccolta fondi del 28 giugno scorso e – secondo la volontà dei donatori – sarà collocato nell’area che ospita gli ambulatori specialistici della Struttura Sanitaria di Bondeno.
Hanno preso parte alla cerimonia di consegna insieme a Mauro Manfredini, direttore del Distretto Ovest, la famiglia Balanzoni e Claudio De Vecchi, Capo Nucleo sezione di Bondeno per l’Associazione Arma Aeronautica 
Un sentito ringraziamento da parte del direttore del distretto, che ha evidenziato che, grazie al nuovo defibrillatore ed alla collocazione strategica scelta – i cittadini e gli utenti, ma anche la popolazione locale - sarà più sicura e sarà possibile un intervento tempestivo in caso di emergenze cardiorianimatorie. Va infatti ricordato che poter intervenire entro pochi minuti dall’evento – in attesa dei soccorsi sanitari qualificati del 118 -  è condizione fondamentale per aumentare di molto le probabilità della sopravvivenza delle persone che vanno incontro ad arresto cardiaco.
Alla piccola cerimonia organizzata per la consegna della strumentazione, erano presenti anche Flavio Ferioli, responsabile dei servizi di Pronto Soccorso dell’Azienda USL “ il nuovo defibrillatore sarà inserito nella mappatura degli apparecchi già presenti sul territorio perché è importante che in caso di emergenza, si sappia esattamente dove si trovano i defibrillatori, che si auspica sempre di adoperare il meno possibile, proprio perché va usato su persone in estrema difficoltà. Purtroppo episodi di arresto cardiaco non colpiscono solo persone in età avanzata, ma riguardano anche i giovani, come abbiamo constatato dagli ultimi dati.”
Il coordinatore dell’attività ambulatoriale di Bondeno, Lino Zanella, ha voluto ringraziare a nome di tutti i professionisti che operano all’interno della Struttura Borselli che per quanti lavorano, avere un defibrillatore a disposizione nelle vicinanze diventa una condizione di maggior sicurezza. Infatti lavorare sapendo di avere le strumentazioni idonee a cui ricorrere in caso di necessità si è sicuramente più tranquilli. Inoltre tutti i sanitari che operano negli ambulatori della specialistica hanno svolto i corsi di formazione specifici, quindi diventa una ulteriore condizione per prestare un’assistenza ancor più efficace. La strumentazione sarà collocata inizialmente nella sede dei poliambulatori, e una volta ultimati i lavori all’interno della struttura Socio sanitaria, sarà posizionata nell’atrio della Casa della Salute bondenese.
Un dono che nasce da una grande sensibilità e responsabilità nei confronti della propria comunità. E’ infatti quanto è possibile interpretare dalle parole della Signora Claudia, portavoce per la famiglia Balanzoni, che già da diversi anni sono impegnati con l’Associazione Arma Aeronautica – Nucleo di Bondeno, per la raccolta di fondi da destinare a sostegno della comunità locale e delle categorie più fragili e in particolar modo iniziative a sostegno dei bambini.

L’iniziativa, come ha ricordato la signora Claudia è nata dalla scomparsa del mio papà, Balanzoni Rinaldo, fondatore e primo capo nucleo dell'Associazione a Bondeno, ma anche persona molto attiva nel mondo del volontariato di Bondeno. Siamo probabilmente un gruppo un po' fuori dagli schemi, rispetto alle Associazioni militari che si è soliti conoscere, siamo giovani e, pur nel rispetto delle regole,  cerchiamo di portare avanti idee nuove e con buoni risultati, soprattutto per il calore e l'affetto che raccogliamo; dalla festa degli aquiloni, alla Befana e a Celestino, ( un simulatore di volo per bambini).  Da un’idea di mio fratello, attualmente consigliere dell'Associazione, Sezione di Ferrara, in quanto ex Aviere, abbiamo iniziato ad organizzare  momenti d’ incontro culinari che si tengono a fine giugno,  pensati per ricordare nostro padre ma soprattutto con lo scopo di raccogliere fondi da utilizzare per opere di beneficenza. Ogni anno scegliamo una destinazione diversa e quest'anno è nata l'idea del defibrillatore da mettere a disposizione della popolazione che usufruisce dei servizi sanitari della Struttura Borselli".

 

Azioni sul documento
Strumenti personali