Tu sei qui: Home / L'Azienda / Rete Ospedali / Direzione Assistenza Ospedaliera / Ospedali: Informazioni e Modulistica / Esportare sangue cordonale per uso autologo

Esportare sangue cordonale per uso autologo

pubblicato il 22/10/2013 11:10, ultima modifica 26/07/2018 11:07

In Italia  è consentita la conservazione per uso autologo (personale) del sangue del cordone ombelicale, nei casi in cui sia presente, tra i consanguinei del nascituro, una patologia per la quale è riconosciuto appropriato l’utilizzo terapeutico delle cellule staminali presenti nel cordone ombelicale (cfr. D.M. 18 novembre 2009).

Tuttavia è possibile esportare, presso una struttura estera a proprie spese, il sangue di cordone ombelicale prelevato al momento della nascita del proprio figlio e conservarlo ad uso personale.

 L’Accordo Stato-Regioni del 29 aprile 2010 riporta le modalità attraverso le quali le Regioni assicurano, secondo le proprie esigenze organizzative e operative, il rilascio dell’autorizzazione all'esportazione da parte delle Direzioni Sanitarie dell'Ospedale dove ha sede il parto.

I genitori interessati all’esportazione del sangue cordonale per uso autologo possono contattare telefonicamente  la segreteria della Direzione Sanitaria della seguente struttura:

 

  dal lunedi al venerdi dalle ore 08.00 alle ore 12.00

 

I genitori saranno ricevuti per l’espletamento della procedura finalizzata all’autorizzazione esclusivamente su appuntamento.

A tal fine è necessario, prendere visione del seguente materiale illustrativo: 

-          Opuscolo informativo RER sangue cordonale

-          Materiale informativo ministeriale

quindi contattare la Direzione Sanitaria con congruo anticipo (almeno tre settimane prima rispetto alla data presunta del parto) in modo da poter  compilare,  controllare e consegnare tutta la documentazione necessaria entro un  massimo di 10 giorni prima del parto stesso.

La Direzione sanitaria, verificata la conformità e completezza della documentazione presentate consistente in:

  • referti dei marcatori infettivologici B, C ed HIV (HBsAg, Anti-HCV, Anti-HIV1-2), eseguiti nell'ultimo mese di gravidanza presso un laboratorio accreditato
  •  certificazioni di conformità, procedure di prelievo e confezionamento dei dispositivi forniti dalla Banca estera presso la quale verrà conservato il campione
  •  e della seguente modulistica che dovrà essere restituita alla Direzione Sanitaria compilata e firmata da entrambi i genitori:

       -   Allegato 2 Richiesta di autorizzazione alla esportazione Osp. Cento

      -   Allegato 2 Richiesta di autorizzazione alla esportazione Osp. Lagosanto

      -    Allegato 3 Modulo informativo sulla raccolta e conservazione sangue cordone ombelicale

      -    Allegato 3 parte b Liberatoria

      -    Allegato 3 parte c Informativa sulla privacy

     -     Allegato WEST NILE

     -    Allegato Ebola

rilascia l'autorizzazione all’esportazione, da allegare al campione di sangue cordonale al momento della spedizione.

 

La Regione Emilia-Romagna, in conformità a quanto stabilito dall’Accordo Stato Regioni del 29 aprile 2010, ha stabilito che per il rilascio dell’autorizzazione e la raccolta del campione di sangue cordonale per uso autologo, i soggetti richiedenti paghino una tariffa pari a € 217,00 + IVA, indipendentemente dall’esito del prelievo.

Azioni sul documento
Strumenti personali