Tu sei qui: Home / L'Azienda / Dipartimenti / Dipartimento Cure Primarie Aziendale / Case della Salute

Le Case della Salute

pubblicato il 20/01/2016 15:55, ultima modifica 16/05/2018 09:06

Logo Case della SalutePresentazione

Con la Delibera Giunta Regionale (DGR) 291 del 2010 la Regione Emila-Romagna indica la Casa della Salute come struttura organizzativa del Distretto la cui gestione complessiva è affidata al Dipartimento di Cure Primarie, quale sede di accesso e di erogazione dei servizi sanitari, sociosanitari e socio assistenziali rivolti alla popolazione dell’ambito territoriale di riferimento .
In questo contesto le cure primarie devono garantire la risposta ai bisogni di salute espressi dal cittadino nello svolgersi di un processo unitario che lo prende in carico in quanto paziente all’interno di un sistema capace di esaudire le sue esigenze anche affidandolo a strutture specialistiche.
Si tratta di un modello organizzativo che oltre a curare e riabilitare,  si prende cura  del paziente , introducendo  una connotazione di natura proattiva, preventiva, di promozione della salute.
Per prendersi cura in modo integrato delle persone secondo le pratiche migliori non è sufficiente operare secondo i criteri di autonomia e responsabilità propri del governo clinico e applicarne gli strumenti, ma occorre mettere in essere un sistema di conoscenze capace di accogliere la domanda e di tradurla, ove necessario, in servizi.
La Casa della Salute diventa il sistema che si prende cura delle persone fin dal momento dell’accesso attraverso:
- la collaborazione e l’integrazione tra i professionisti valorizzandone le competenze,
- la condivisione dei percorsi assistenziali,
- l’autonomia e la responsabilità professionale.
La Casa della Salute nasce dall’idea forte che i cittadini possano avere una struttura territoriale di riferimento alla quale rivolgersi in ogni momento della giornata e che rappresenti una certezza concreta di risposta competente e adeguata ai diversi bisogni di salute e di assistenza.
Cambia la prospettiva dei servizi e delle Istituzioni, che passano da erogatori di prestazioni a facilitatori di consapevolezza, impegnati a costruire RELAZIONI di COMUNITA', facendo parlare e collaborare soggetti diversi come Aziende sanitarie, Aziende dei Servizi alla persona,  associazioni di volontariato, enti locali e stakeolders (stakeolders =  portatore di interessi).
Le sinergie, le collaborazioni, le  condivisioni, le integrazioni dei saperi e le buone pratiche degli operatori socio-sanitari, dei volontari delle Associazioni, dei Componenti dei Comitati Consuntivi Misti e degli  Amministratori, possono contribuire in modo corale alla realizzazione di azioni e progetti  di sviluppo e cura  per il  BEN-ESSERE della Comunità.

Le Case della Salute attuali sono:

 

Azioni sul documento
Strumenti personali